A- A+
Esteri
L'Isis decapita un cooperante inglese: "Colpa di Cameron"

L’ostaggio britannico Alan Henning è stato decapitato. I miliziani dello Stato Islamico hanno pubblicato in rete un video nel quale viene mostrata l’uccisione del 47enne cooperante che era stato rapito in Siria nove mesi fa. Il filmato ricorda quelli delle precedenti decapitazioni da parte di Isis. Henning è il quarto ostaggio occidentale ucciso da Isis dopo gli americani James Foley e Steven Sotloff, e lo scozzese David Haines. La conferma dell’uccisione di Henning arriva dal primo ministro britannico David Cameron. Il «brutale omicidio» di Alan Henning «mostra quanto sono barbari e ributtanti questi terroristi» scrive su Twitter Cameron che fa poi le condoglianze alla moglie e ai figli dell'uomo. Il primo ministro poi assicura: «Faremo tutto il possibile per stanare questi assassini e portarli davanti alla giustizia». Nel video diffuso dall’Isis l’ostaggio britannico Alan Henning dice: «per via della decisione del nostro parlamento di attaccare lo Stato Islamico, io, in quanto britannico, pagherò il prezzo di quella decisione»

Tags:
isiscooperante inglese
in evidenza
"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."

Diletta Leotta ad Affari

"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."


in vetrina
CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA

CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA


motori
Mercedes-EQ EQE-SUV 350 4Matic: compagna di viaggio ideale

Mercedes-EQ EQE-SUV 350 4Matic: compagna di viaggio ideale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.