A- A+
Esteri

Il Trattato per il controllo delle armi convenzionali approvato dall'Assemblea generale dell'Onu è "forte, efficace e da implementare". E' il capo della diplomazia americana, John Kerry a dirsi soddisfatto per la posizione assunta da Washington al Palazzo di Vetro, la prima a livello internazionale da quando Kerry e' a capo della diplomazia americana. L'accordo, ha proseguito il segretario di Stato che ha preso il posto di Hillary Clinton, non infrange il Secondo emendamento che nella Costituzione americana sancisce il diritto di portare armi ma "rafforza la sicurezza globale e al tempo stesso protegge il diritto sovrano degli Stati nel commerciarle". Ma gia' la lobby dei produttori di armi si prepara a dar battaglia contro la ratifica.

L'accordo, il primo sulla armi da quello che bandiva i test nucleari siglato nel 1996, regolera' la compravendita di blindati, artiglieria di grosso calibro, velivoli da combattimento, navi da guerra, missili e lanciamissili e anche armi di piccolo calibro per un valore complessivo di 80 miliardi di dollari annui. L'accordo, pero', dovra' essere ratificato dagli Stati e la National Rifle Association, la lobby dei produttori di armi entrata nel mirino dell'amministrazione Obama dopo la strage di Newtown, ha fatto sapere gia' che si opporra'.

Tags:
onuarmiusa
in evidenza
Aryna Sabalenka, nuova imperatrice del tennis mondiale

La "tigre di Minsk"

Aryna Sabalenka, nuova imperatrice del tennis mondiale


in vetrina
Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs

Banca Generali, presentato l’undicesimo capitolo di BG4SDGs


motori
Dacia cresce del 9% in un mercato in crisi

Dacia cresce del 9% in un mercato in crisi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.