Dopo la Francia, anche la Germania valuta una riforma della controversa legge sulla prostituzione. La neonata Grosse Koalition se ne occuperà già a partire dall'inizio del nuovo anno. Per la prima volta nella storia della Germania - scrive la stampa tedesca - i clienti delle prostitute verranno sanzionati, nel caso in cui siano consapevoli di ricevere 'servizi' da donne obbligate a prostituirsi.

La normativa, come annunciato dal responsabile per le politiche interne dell'Unione Cdu-Csu Hans Peter Uhl (Csu), farà parte di un'ampia riforma destinata a cambiare la legge sulla prostituzione in vigore da 12 anni in Germania. Le prime modifiche avverranno già a inizio 2014. Sarà esclusa tuttavia una punizione totale dei clienti.

La bozza di riforma rispecchia una formulazione che il gruppo di lavoro della Grosse Koalition competente per la famiglia aveva già elaborato tre settimane fa. Durante la trattative per la formazione del governo di Grande Coalizione, Cdu, Csu e Spd si sono accordati su una modifica della legge sulla prostituzione approvata dal governo rosso-verde di Gerhard Schroeder nel 2002, che ha legalizzato il lavoro delle prostitute e i bordell.

Già a fine ottobre, intellettuali, politici e società civile cappeggiati dalla femminista tedesca Alice Schwarzer avevano chiesto un ripensamento della normativa voluta dai Verdi, lanciando un "Appello contro la prostituzione", divenuta una "moderna schiavitù" delle donne.

 

2013-12-03T08:51:45.867+01:002013-12-03T08:51:00+01:00truetrue1356116falsefalse353Esteri/esteri4130986913562013-12-03T08:51:45.93+01:0013562013-12-03T19:47:18.753+01:000/esteri/la-germania-segue-la-francia-riformare-la-prostituzione031213false2013-12-03T08:53:42.187+01:00309869it-IT102013-12-03T08:51:00"] }
A- A+
Esteri
prostituzione
 

Dopo la Francia, anche la Germania valuta una riforma della controversa legge sulla prostituzione. La neonata Grosse Koalition se ne occuperà già a partire dall'inizio del nuovo anno. Per la prima volta nella storia della Germania - scrive la stampa tedesca - i clienti delle prostitute verranno sanzionati, nel caso in cui siano consapevoli di ricevere 'servizi' da donne obbligate a prostituirsi.

La normativa, come annunciato dal responsabile per le politiche interne dell'Unione Cdu-Csu Hans Peter Uhl (Csu), farà parte di un'ampia riforma destinata a cambiare la legge sulla prostituzione in vigore da 12 anni in Germania. Le prime modifiche avverranno già a inizio 2014. Sarà esclusa tuttavia una punizione totale dei clienti.

La bozza di riforma rispecchia una formulazione che il gruppo di lavoro della Grosse Koalition competente per la famiglia aveva già elaborato tre settimane fa. Durante la trattative per la formazione del governo di Grande Coalizione, Cdu, Csu e Spd si sono accordati su una modifica della legge sulla prostituzione approvata dal governo rosso-verde di Gerhard Schroeder nel 2002, che ha legalizzato il lavoro delle prostitute e i bordell.

Già a fine ottobre, intellettuali, politici e società civile cappeggiati dalla femminista tedesca Alice Schwarzer avevano chiesto un ripensamento della normativa voluta dai Verdi, lanciando un "Appello contro la prostituzione", divenuta una "moderna schiavitù" delle donne.

 

Tags:
prostituzionefranciagermania
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.