A- A+
Esteri
La Libia ci spara contro e noi manteniamo un profilo basso

L’Egitto ci prende a pesci in faccia raccontandoci una costellazione di fake news relativamente all’omicidio del ricercatore Giulio Regeni, torturato e ucciso nelle carceri egiziane.

Sempre l’Egitto tiene in prigione, colpevolmente e in maniera preventiva da mesi, Patrick Zaki nostro concittadino onorario e studente dell’Università di Bologna.

La Libia, dal canto suo, ha imprigionato per oltre un anno nostri connazionali ,18 pescatori di Mazara del Vallo e adesso non solo spara contro un peschereccio italiano ma pure ferisce il comandante rischiando di ucciderlo.

 

E in tutta questa situazione  dove sta il nostro formidabile Ministro degli Esteri Luigi Di Maio?

 

Forse troppo impegnato ad attaccare i vertici della Rai ( messi anche dal suo Movimento) per la censura a Fedez, il giovane astro nascente della politica, uomo di sinistra ma con il portafoglio gonfio a destra?

 

Ma come, ci continuano a raccontare che l’Italia è un paese che conta , fondatore dell’Unione Europea, un’unione che non starebbe in piedi senza di noi e poi ci facciamo prendere a scarpate da due paesi che non brillano certo per democrazia?

 

Ma signor Ministro lo sa che è gravissimo ( un atto quasi di guerra) che una motovedetta militare libica il 6 maggio, un paio di giorni fa in acque internazionali deliberatamente spari ad altezza d’uomo, mirando alla cabina della nostra imbarcazione, per uccidere?

Il Comandante del peschereccio Aliseo, Giuseppe Giacalone, è rimasto lievemente ferito, ma solo per un colpo di fortuna non è successo di peggio a lui e agli altri sette uomini dell’equipaggio.

 

E noi?

Che cosa stiamo aspettando?

Stiamo lavorando mantenendo un low profile o non stiamo facendo niente perchè non abbiamo gli attributi per fare niente?

Almeno, se il Governo italiano latita muoviamoci noi italiani e cancelliamo tutti i viaggi, soggiorni in Egitto per almeno un anno.

Lo dobbiamo a Regeni, a Zaki e ultimo, ma non ultimo, all’onore del nostro paese.

Per la Libia un atto di questo tipo non si puo’ certamente fare ma almeno alziamo la voce, facciamoci sentire, scortiamo i nostri pescherecci.

Qualsiasi cosa che faccia capire ai libici che esistiamo  e che non siamo solo “chiacchiere e distintivo”

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    libiaegittoregenizaki
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.