A- A+
Esteri
Libia, attacco al Parlamento, 2 morti. Il governo: "È un golpe"

Ieri, un colonnello, sostenendo di parlare a nome dell'esercito, ha dichiarato sospesa l'assemblea parlamentare. "Noi, membri dell'esercito e rivoluzionari, annunciamo la sospensione del Congresso generale nazionale", ha detto Mokhtar Fernana, leggendo un comunicato ai microfoni di due emittenti tv private. Il governo ha poi riferito di due morti e 55 feriti negli scontri seguiti all'attacco al parlamento nella zona sud di Tripoli.

Il presidente del Congresso generale nazionale, Nuri Abu Sahmein, non ha escluso che l'attacco al Parlamento sia stato commissionato dall'ex generale Khalifa Haftar, protagonista dell'offensiva a Bangasi, tuttavia il governo ha affermato in una nota che non c'è "alcun collegamento reale" tra i fatti di Tripoli e quelli della seconda città del paese, dove la scorsa notte la base aerea di Benina è stata colpita da razzi.

Il comandante della base, colonnello Saad Al-Werfalli, ha accusato i gruppi islamici radicali. L'attacco è stato messo a segno dopo i raid aerei lanciati venerdì scorso contro postazioni dei miliziani jihadisti, nell'ambito dell'offensiva lanciata da Haftar, che ha causato almeno 79 morti e 141 feriti. L'iniziativa dell'ex generale, che ha promesso di scacciare tutti i "terroristi" da Bengasi, è stata bollata dalle autorità libiche come un tentativo di colpo di Stato, tanto da dichiarare una no fly zone sulla seconda città del paese.

A fronte di tale situazione nel paese, ieri la Farnesina ha fatto sapere che l'ambasciata italiana a Tripoli si è messa in contatto con i connazionali nella capitale libica per garantire ogni forma di assistenza.

 

Tags:
libiaparlamento
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.