A- A+
Esteri
Libia, l'Isis rapisce 35 egiziani. Si teme per la loro vita

Infuria la guerra in Libia dove sono stati rapiti 35 lavoratori egiziani. Lo riferisce il quotidiano di Stato egiziano "al Ahram". La notizia arriva dopo l'esecuzione di 21 cristiani copti egiziani da parte dello Stato islamico a Sirte, alla quale Il Cairo ha risposto con il lancio di tre serie di raid contro le posizioni jihadiste nell'est della Libia. L'Egitto e' in prima linea contro gli jihadisti dell'Isis in Libia e continua a bombardare la roccaforte islamista di Derna. Ma i raid del Cairo non bastano e il presidente Abdel Fattah al Sisi si e' rivolto al Consiglio di sicurezza dell'Onu per chiedere una risoluzione che autorizzi un intervento internazionale.

L'opzione sara' domani all'esame del Consiglio di Sicurezza. Sul campo la situazione rimane incandescente: gli F-16 egiziani, sostenuti dai Mig libici delle forze aeree del generale Khalifa Haftar, legato al governo internazionalmente riconosciuto di Torbuk, hanno compiuto nella notte 10 raid "uccidendo e ferendo decine di jihadisti", ha riferito il ministro degli Esteri cairota, Sameh Shoukry. La soluzione militare resta comunque l'ultima chance e l'Ue ha ribadito che non portera' alla conclusione del conflitto: la portavoce dell'Alto rappresentante Federica Mogherini, Catherine Ray, ha sottolineato la necessita' di "incoraggiare il dialogo politico fra le diverse parti libiche, spingendole a sedersi a un tavolo come sta cercando di fare il rappresentante speciale dell'Onu Bernardino Leon".

Stamane il Presidente del Consiglio Matteo Renzi si e' riunito a Palazzo Chigi con i ministri degli esteri Paolo Gentiloni (che riferira' domani alla Camera), degli Interni Angelino Alfano e della difesa Roberta Pinotti assieme al Sottosegretario Marco Minniti. Nell'incontro e' stato ribadito l'impegno italiano per una forte azione diplomatica in ambito ONU e il sostegno per una iniziativa urgente al Consiglio di Sicurezza che promuova stabilita' e pace in Libia. Contro l'ipotesi di un intervento militare internazionale si e' schierato Hamas che da Gaza ha respinto le ingerenze "di alcuni Paesi come l'Italia" che hanno intenzione di "intervenire negli affari interni della Libia con il pretesto di combattere il terrorismo" ma sarebbe solo "una nuova crociata" E' pronto alla vendetta il leader dell'Isis, Abu Bakr al Baghdadi che ha ordinato nuovi rapimenti di lavoratori egiziani e avrebbe inviato un gruppo di suoi uomini a Sirte per formare un nucleo dello Stato islamico e diffondere l'ideologia del califfato.

Tags:
isislibiaegittobombardamentirapimento
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.