A- A+
Esteri
Libia, salta la tregua. Ordigno vicino all'ambasciata italiana

Il cessate il fuoco è stato ignorato e risale la tensione nella capitale libica. Un colpo di mortaio sparato durante gli scontri fra milizie a Tripoli si è abbattuto su un albergo situato vicino all'ambasciata d'Italia ferendo tre persone. Si tratta dell'Hotel Al Waddan, come riferisce il sito Alwasat.

Nell'attacco sferrato poco prima delle 6 ora locale, l'attacco ha ferito tre ospiti che alloggiavano al quarto piano e ha seminato il panico nella struttura. Sui social network sono comparse le immagini dell'interno dell'hotel, con i vetri rossi, e il pavimento macchiato di sangue.

Gli scontri sono avvenuti nonostante l'annuncio di un accordo di cessate il fuoco nelle zone a sud della capitale, il terzo in quattro giorni. Un accordo che peraltro è stato respinto dalla Settima Brigata di Tarhuna, la milizia legata al signore della guerra Salah Badi che si è resa autonoma dal Governo di Accordo Nazionale, che controlla la zona del vecchio aeroporto di Tripoli, a sud della capitale, distrutto dalla guerra civile. Nelle ultime ore si è sparato anche nella zona nord, che ha costretto la chiusura della base aerea di Mitiga, unico aeroporto funzionante nella capitale, con i voli che sono stati dirottati per 48 ore a Misurata, a 200 chilometri.

Il bilancio dei morti per gli scontri tra le milizie, in 5 giorni è salito a 39 morti e 119 feriti. Lo scrive su Facebook il ministero della Salute del governo di accordo nazionale.  Dal post emerge inoltre che la maggior parte dei morti e dei feriti sono civili.

Gli Stati Uniti, Francia, Italia e Gran Bretagna hanno condannato quella che hanno definito un'escalation di violenze nella capitale libica, avvertendo che i gruppi armati che hanno indebolito la stabilità libica sarebbero stati resi responsabili. "Questi tentativi di indebolire le legittime autorità libiche e ostacolare il processo politico in corso non sono accettabili", hanno dichiarato Washington, Parigi, Roma e Londra in una dichiarazione congiunta pubblicata dal ministero degli Esteri francese. "Chiediamo ai gruppi armati di fermare immediatamente tutte le azioni militari e mettere in guardia coloro che cercano di minare la stabilità, a Tripoli o altrove in Libia, che saranno ritenuti responsabili ", dice la dichiarazione.

"Riaffermiamo il nostro forte e costante sostegno al piano d'azione delle Nazioni Unite, come ricordato dal Presidente del Consiglio di Sicurezza il 6 giugno e dal Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite Ghassan Salamé il 16 luglio - conclude la nota - Invitiamo tutte le parti ad astenersi da qualsiasi azione che possa mettere in pericolo il quadro politico stabilito con la mediazione dell'Onu, e pienamente sostenuto dalla comunità internazionale".

Commenti
    Tags:
    libia tregua
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    La nuova Peugeot 308 diventa premium

    La nuova Peugeot 308 diventa premium


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.