A- A+
Esteri
Lo Stato islamico conia le sue prime monete

Lo Stato islamico ha iniziato a coniare le sue prime monete ufficiali. Sono pezzi da 5 dinari islamici, in oro, del valore di 139 dollari per dinaro. Un grammo d’oro al corso attuale vale circa 35 dollari, e quindi la moneta da 5 dinari dovrebbe pesare circa 20 grammi per rispettare il cambio di mercato. Ma è probabile che la valutazione sia un po’ gonfiata.

Su una faccia della moneta è incisa la scritta «Stato islamico. Califfato basato sulla dottrina del Profeta». Sull’altra faccia il numero 5 in cifra araba e un planisfero, segno che l’ambizione del Califfato è estendere la Umma, la comunità islamica, a tutto il mondo. Il dinaro è stato la moneta ufficiale del Califfato Ommayade nel VII secolo.

Lo Stato islamico ha annunciato il conio delle sue monete lo scorso novembre. Sono previsti sette pezze: due in oro, tre in argento, due in rame. La moneta avrà corso legale in tutti i territori controllati dall’Isis, principalmente in Siria e Iraq. Lo Stato islamico non ha però comunicato se ci saranno equivalenti cartacei. La diffusione delle monete sembra quindi avere più un valore simbolico - uno dei fondamenti di un nuovo Stato è la moneta - che pratico.

Tags:
stato islamicomonete
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.