A- A+
Esteri
Pensioni, Macron in tv non ha convinto. Il 70% lo boccia e aumenta la rabbia

Riforma delle pensioni in Francia, previste 320 manifestazioni in tutto il Paese, attesi i "Gilet gialli". Forze di sicurezza in massima allerta

Nove giorni di proteste e manifestazioni in tutta la Francia, dopo che il presidente Emmanuel Macron ha varato la riforma delle pensioni. Intanto, un sondaggio sull'intervento di Macron in tv per difendere la lagge, in cui ha ribadito la necessità di procedere alla riforma e la fiducia nel governo di Elisabeth Borne, rivela che oltre il 70% dei francesi non è stato convinto dalle sue parole e, che, anzi il presidente è stato bocciato. "Se per il bene del Paese devo pagare il prezzo dell'impopolarità, lo farò", ha detto comunque Macron. 

Leggi anche: "Pensioni, Macron tira dritto sulla riforma: "Avanti nell'interesse francese"

Secondo il segretario della CGT, Philippe Martinez, la mancanza di apertura del presidente "ha fatto aumentare la rabbia". Quella del 23 marzo è la prima giornata di scioperi organizzata a livello nazionale da quando la legge è stata adottata senza passare dal voto parlamentare, utilizzando l'articolo 49.3 della costituzione.

Francia, protesta nazionale contro la riforma delle pensioni: scioperano il trasporto pubblico, la scuola e l'energia

Gli scioperi del trasporto pubblico riguarderanno i conducenti della metropolitana, chiamati ad aderire in massa allo sciopero. Riguardo alla rete ferroviaria è prevista la circolazione solo della metà dei treni ad alta velocità e di un terzo di quelli regionali. 

Leggi anche: "Francia, cittadini furiosi contro la riforma pensioni: oltre 200 arresti"

Già ieri sera centinaia di persone hanno manifestato spontaneamente a Parigi, Lione e Lilla. La polizia prevede che oggi le manifestazioni vedranno la partecipazione di 600-800 mila persone in 320 diverse occasioni, di cui fra 40 e 70 mila a Parigi, dove la manifestazione partirà da Place de la Bastille in direzione dell'Opera alle 14.

È attesa anche la partecipazione di alcune centinaia di manifestanti del movimento "Gilets jaunes", e i servizi di sicurezza sono in preallerta perché si temono disordini. Nella scuola, si prevede un'adesione fra il 40 e il 50% nelle primarie, e ci si aspettano molte astensioni dal lavoro nei settori dell'energia.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciamacronpensioniproteste





in evidenza
Affari in rete

Politica

Affari in rete


in vetrina
Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni

Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni


motori
Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.