A- A+
Esteri
Mali, ucciso un legionario. L'Eliseo manda tremila soldati

Un soldato francese è morto nella notte nel nord del Mali. Lo ha reso noto l'Eliseo. Sale dunque a otto il numero dei soldati francesi morti in Mali dall'inizio delle operazione 'Serval'. La vittima era un legionario, un sottufficiale del secondo reggimento stranieri di paracadutisti di Calvi. Poco dopo i ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian, ha reso omaggio al legionario morto, spiegando che il militare e' stato ucciso "da un ordigno improvvisato" piazzato da un gruppo jihadista: "E' morto per la liberta' del Mali, la sicurezza del Mali, ma anche per la liberta', la sicurezza dell'Europa e della Francia", ha osservato nel corso di un'intervista radio-televisiva.

Il ministro ha spiegato che la Francia si sta organizzando "per avere un approccio regionale alla lotta al terrorismo" e ha spiegato che Parigi manterra' un migliaio di soldati in Mali, essenzialmente a Gao, e 3mila saranno concentrati nell'area del Sahel. "Il nostro obiettivo e' la lotta al terrorismo nel nord del Mali, il nord del Niger e in Ciad. Stiamo riorganizzando il nostro contingente in modo che nella zona ci siano 3mila soldati".

Tags:
malilegionarioeliseo
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.