A- A+
Esteri
Navalny, Corte europea dei diritti umani chiede la scarcerazione immediata

Riguardo all'incarcerazione dell'oppositore di Putin, Aleksei Navalny, la Corte europea dei diritti umani si è espressa chiedendone la liberazione "immediata", perché la vita dell'uomo sarebbe in pericolo: la decisione è stata comuinicata dall'organizzazione del dissidente, che l'ha pubblicata sul suo sito web. Contattata dall'Afp, la Corte che ha sede a Strasburgo ha confermato la decisione, che sarà ufficializzata nelle prossime ore. Secondo l'organizzazione di Navalny, il tribunale chiede alla Russia "la liberazione del denunciante. E questa misura deve essere applicata con carattere immediato".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    navalnyrussiaputincorte diritti umani
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.