A- A+
Esteri
Obama rallenta il ritiro degli Usa dall'Afghanistan

Il presidente americano annuncerà la decisione dalla Casa Bianca. Da giorni giravano indiscrezioni di stampa secondo le quali Obama stava valutando di lasciare in Afghanistan un numero di truppe più alto del previsto, fino a 5.500 unità, anche oltre il 2016, ovvero la scadenza del suo secondo mandato.

La strategia di Washington

Era stato il Washington Post a riferirlo per primo citando fonti informate: a quanto risulta il presidente si sarebbe basato su un piano presentato lo scorso agosto dall’allora capo di stato maggiore interforze generale Martin Dempsey. Un cambio di rotta, dunque, rispetto a quanto deciso in precedenza e che viene deciso dopo la ripresa degli scontri con i talebani nella regione di Kunduz (qui giorni fa un raid americano ha colpito un ospedale di Medici Senza Frontiere uccidendo 22 persone) e la nascita di gruppi jihadisti legati allo Stato Islamico. Il nuovo programma prevede che i 9.800 soldati di Washington in Afghanistan restino nel Paese per gran parte del 2016 e che la loro presenza venga gradualmente ridotta. A un certo punto nel 2017, hanno riferito le fonti, i militari americani nel Paese caleranno a 5.500 e saranno di stanza a Kabul, Bagram, Jalalabad e Kandahar.Gli Stati Uniti hanno schierato le loro forze in Afghanistan 14 anni fa, con l’operazione Enduring Freedom all’indomani dell’11 settembre. In questi anni sono morti 2.372 soldati statunitensi.

La controffensiva

Nel frattempo, dopo l’annuncio del «ritiro» da Kunduz City, in Afghanistan i Talebani puntano ad altri capoluoghi di provincia. Con quella che sembra essere una nuova strategia con la firma del mullah Mansour, la battaglia si sposta dai villaggi alle città, dalle zone rurali a quelle urbane. Due giorni fa il vice governatore della provincia di Ghazni rivendicava l’uccisione di almeno 70 Talebani da parte delle forze di sicurezza in combattimenti nelle zone di Noghi, Qarabagh e Spandi. Ghazni, a circa 130 km a sudest della capitale Kabul, è una città con oltre 150mila abitanti, in una posizione strategica lungo la principale strada che collega Kabul a Kandahar. I medi afghani nei giorni scorsi hanno riferito di blocchi dei Talebani lungo la ben nota “ring road”. A metà settembre un commando di Talebani aveva attaccato la prigione centrale di Ghazni liberando oltre 350 detenuti. «Un gran numero di Talebani ha attaccato la città da tre direzioni - ha detto Mohammad Ali Ahmadi, vice governatore della provincia citato dal Washington Post - Ma sono stati respinti dalle coraggiose forze afghane».

Tags:
obama
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Honda svela la nuovo generazione di HR-V

Honda svela la nuovo generazione di HR-V


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.