A- A+
Esteri
Perù nel caos: scontri e morti post impeachment di Vizcarra, ministri lasciano

La Polizia Nazionale del Peru' ha usato ancora una volta la forza contro un gruppo di manifestanti giunti davanti alla sede del Congresso, mentre fonti ufficiali hanno riferito che il presidente Manuel Merino non intende dimettersi dall'incarico. Per il settimo giorno consecutivo i manifestanti protestano contro la destituzione del presidente Martin Vizcarra, rimosso dal Parlamento in seguito a un'accusa di corruzione non provata per la quale non e' stata ancora aperta ancora.

Al posto di Vizcarra e' stato nominato presidente ad interim l'oppositore Merino, gia' presidente del Parlamento e espressione di un gruppo di forze politiche di destra legate ad alcune universita' private contrarie alla lotta anticorruzione e alla riforma universitaria che Vizcarra, anch'egli di orientamento conservatore, stava portando avanti.

Dopo le violenze che sabato hanno causato tre morti, decine di feriti e almeno una ventina di dispersi, gli agenti si sono ritirati nelle vicinanze della sede del Congresso e centinaia di manifestanti che si trovavano ancora nel centro storico di Lima sono avanzati in modo pacifico. In un primo momento i pochi agenti che sorvegliavano gli esterni del Congresso hanno permesso ai manifestanti di avanzare.

Ma quando i manifestanti hanno avviato un sit in in Viale Abancay, di fronte alla sede del Congresso, gli agenti hanno lanciato gas lacrimogeni. Le tv hanno mostrato immagini di arresti e di aggressioni a giornalisti da parte della polizia. Se dopo il carico si e' generato un nuovo confronto con i giovani sono dovuti fuggire prima dell'attacco della polizia, che e' prossima ad intervenire anche le unita' mobili dei canali televisivi che hanno coperto gli incidenti.

Merino non ha ancora rilasciato dichiarazioni dopo gli eventi violenti eventi. All'alba e' stata diffusa una foto che lo mostra a colloquio con parte dei suoi ministri. Merino e' mostrato a colloquio con il primo ministro, ntero Flores-Araoz, e diversi membri del governo, tra cui il ministro dell'Interno, Gaston Rodri'guez, che due ore dopo ha presentato la sua lettera di dimissioni. Poco prima una decina di ministri avevano annunciato le loro dimissioni.

Nella notte si sono diffuse anche voci di una fuga di Merino dal Paese a bordo di un aereo militare. Un membro del Congresso, Rennan Espinoza, ha dichiarato alla rete locale America Television che Merino aveva deciso di dimettersi ma durante l'incontro con i suoi ministri ha espresso l'intenzione di attendere di essere licenziato dal Congresso per non assumersi la responsabilita' politica e legale per gli eventi di sabato. Il primo ministro, Flores-Araoz, ha affermato che restera' in carica per "lealta'" nei confronti di Merino e lascera' solo se il presidente ad interim si dimettera'. Merino potrebbe essere destituito oggi, dopo una riunione dei capigruppo convocata dallo speaker del Congresso, Luis Valdez, che ha gia' chiesto le dimissioni immediate del presidente ad interim. Secondo le informazioni diffuse dalle autorita' sanitarie, le violenze di sabato hanno causato anche 63 feriti. (AGI)Zec/Rus 151018 NOV 20 NNNN

Commenti
    Tags:
    perùvizcarracaosministri
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.