A- A+
Esteri

Sono Donald Trump e Hillary Clinton i due candidati vincitori delle primarie Usa del "Super Martedi'". Alle 11 (Eastern Time) la candidata democratica ha vinto in sei Stati - Georgia, Virginia, Tennessee, Arkansas, Alabama e Texas - mentre Trump ha trionfato nei cinque Stati maggiori - Massachusetts, Georgia, Alabama, Virginia e Tennessee - e si candidano alla vittoria anche nelle rimanenti primarie il cui spoglio e' ancora in corso. Ma non è una completa disfatta per gli altri candidati: per i democratici il senatore Bernie Sanders sembra rimasto l'unico rivale dell'ex segretario di Stato Usa avendo conquistato le primarie nel suo Stato natale - il Vermont - e avendo buone probabilità di vincere in Oklahoma e Colorado.

Il senatore Ted Cruz e' invece l'antagonista di Trump grazie alle affermazioni in Texas e Oklahoma, anche se non sembra in grado di affermare la sua popolarità al di là del cuore protestante evangelico conservatore e sociale.

Sanders resta determinato nel rimanere in gara, ma è oltre 600 delegati indietro rispetto alla Clinton che ha lo ha battuto in tutto il sud degli Stati Uniti, il cuore del paese. "Super Martedi'" deludente, al contrario per il senatore Marco Rubio, che si segnala in testa dei caucus del Minnesota, ma non e' riuscito finora a vincere alcun titolo nelle primarie e si e' piazzato quasi sempre terzo tra gli elettori repubblicani dietro Trump e Cruz.

"Sono uno che unisce", ha assicurato dal palco della vittoria, allestito direttamete in Florida in vista delle prossime primarie. "Mi scagliero' contro una sola persona - ha avvertito - e cioe' Hillary Clinton". Per l'ex Segretario di stato sta funzionando la strategia di presentarsi come l'erede di Barack Obama. "Che Super Tuesday...immaginate cosa possiamo fare insieme", ha esultato la Clinton che ha battuto Sanders in Alabama, Arkansas, Georgia, Tennessee e Texas, grazie al forte supporto degli afro-americani e prendendosi una rivincita in Virginia dove era stata sconfitta da Obama nel 2008.

E' anche riuscita ad aggiudicarsi il Massachusetts, stato liberal dove Sanders sembrava favorito anche per la vicinaza geografica con il Vermont. "E' chiaro questa notte che la posta in gioco non e' mai stata cosi' alta mentre quello che sentiamo dire dagli avversari non e' mai stato di cosi' basso livello", ha attaccato la Clinton riferendosi a Trump che ha immediatamente ricambiato il favore.

"Ho sentito il suo discorso, parla di salari bassi e di tutto quello che va male ma lei c'era, e c'e' stata a lungo (al governo) e non e' riuscita a cambiare nulla", ha rimarcato il tycoon newyorchese. Un recente sondaggio di Cnn/Org indica che sia la Clinton e sia Sanders riuscirebbero facilmente a battere Trump se le elezioni, in calendario per il prossimo 8 novembre, avvenissero oggi.

 

Tags:
usatrumpclinton
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.