A- A+
Esteri
Russia, giallo ex KGB. Il potente 5° Servizio, l'infomatore "Wind of Change"..

Ucraina, "I Servizi non hanno chiarito al [presidente Vladimir] Putin la realtà della situazione"


I lenti progressi dell'invasione russa in Ucraina hanno acceso i riflettori sui servizi di intelligence russi, che secondo gli osservatori internazionali non sono riusciti a fornire al Cremlino informazioni sulla realtà della situazione prima dell'attacco militare.

Diversi rapporti di intelligence di Paesi occidentali hanno sottolineato che una parte "oscura" della potente Agenzia federale di sicurezza russa (FSB) è stata sottoposta a un controllo particolare con il suo leader interrogato e, secondo quanto riferito, messo anche agli arresti domiciliari. Ciò ha portato diversi commentatori a chiedersi se tutto si stia svolgendo regolarmente nel sinistro quartier generale dell'FSB in piazza Lubjanka a Mosca, un tempo sede del KGB nell'URSS.

Gli osservatori internazionali - scrive il sito internet The Moscow Times - ritengono che la Russia si aspettasse di compiere progressi molto più rapidi nell'invasione, lanciata il 24 febbraio, con forze che anziché essere accolte favorevolmente dalla popolazione hanno dovuto affrontare la feroce resistenza degli ucraini.

"I Servizi non hanno chiarito al [presidente Vladimir] Putin la realtà della situazione", ha detto una fonte dell'intelligence francese, che ha chiesto di non essere nominata.

"Il sistema si sta rafforzando, si sta consolidando in modo che Putin non riceva troppe cattive notizie", ha aggiunto la fonte.

In un rapporto pubblicato per la prima volta dal sito di notizie russo con sede in Lettonia Meduza, gli esperti dell'intelligence russa Andrei Soldatov e Irina Borogan hanno scritto che le prime conseguenze dei fallimenti dello spionaggio si stanno notando.

Il capo del cosiddetto 5° servizio dell'FSB, Sergei Beseda, e il suo vice, Anatoly Bolukh, erano stati entrambi posti agli arresti domiciliari, afferma il rapporto.

Il 5° Servizio è un ramo estremamente potente dell'FSB che supervisiona le sue operazioni al di fuori della Russia, in particolare negli stati ex sovietici come l'Ucraina.

Si è distinto per il ruolo dello specialista russo dei servizi di intelligence stranieri (SVR), guidato dall'insider di lunga data del Cremlino Sergei Naryshkin.

Il capo della guardia nazionale russa Viktor Zolotov è stato citato dalle agenzie di stampa russe affermando che l'invasione "non sta andando velocemente come vorremmo", ma ha affermato che ciò accade per evitare vittime civili.

Il dissidente russo che risiede in Francia Vladimir Osechkin, che gestisce il sito gulagu-net.ru (che ha denunciato gli abusi nelle carceri russe), ha anche denunciato gli arresti domiciliari che, secondo lui, facevano ufficialmente parte di un'indagine sull'appropriazione indebita di fondi stanziati per l'Ucraina.

"Ma la vera ragione è stata l'insufficienza di intelligence e le informazioni incomplete e false sulla situazione politica in Ucraina", ha affermato.

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra russia ucrainaservizi segreti russiterza guerra mondiale





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.