A- A+
Esteri

Aerei chimici sotto sequestro, ingegneria aerospaziale clandestina e sostanze cancerogene nell'aria. Attorno a queste minacce si starebbe formando un blocco compatto di Paesi determinati a fermare un'alterazione climatica indotta. Secondo quanto riferiscono analisti militari russi, e quanto riporta il blog Signoraggio.it, l’India e la Nigeria avrebbero costretto ad atterrare e posto sotto sequestro due aerei “chimici” "Sarebbe in atto a livello globale una vera e propria nuova guerra fredda attorno ai piani di geoingegneria clandestina portati avanti dalle forze armate statunitensi e delle altre nazioni del blocco della N.A.T.O", si legge ne blog.

Da tempo si discute delle sostanze che vengono introdotte nell'ambiente proprio dagli aerei che diffonderebbero nell’atmosfera alluminio, bario, cadmio e altre sostanze nocive. Sostanze e veleni che molti scienziati indicano come le principali cause dell'aumento delle malattie neuro-degenerative. Proprio su questi temi sarebbe già in atto una vera e propria guerra climatica globale che vede da un lato gli Stati Uniti e dall’altro la Russia, la Cina, l’India e altri stati emergenti.

.

Tags:
scie chimicheaereirussia
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Nuova Opel Astra Sports Tourer è “Auto Familiare del 2022”

Nuova Opel Astra Sports Tourer è “Auto Familiare del 2022”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.