A- A+
Esteri
Sinistra in crisi ovunque, dagli Stati Uniti all'Europa. L'ANALISI
Pedro Sánchez Lapresse

I sondaggi vedono un testa a testa con i conservatori del Psd, mentre il populista Andre Ventura con il suo partito Chega è accreditato al terzo posto. Ma il fatto che la capitale  Lisbona, governata per 14 anni dal PS, sia caduta nelle mani della destra, così come Coimbra, potrebbe rappresentare un segnale chiaro che il vento stia cambiando. Un’uguale sorpresa è arrivata anche agli alleati, come il Partito Comunista che ha perso una città importante come Évora. Ma i socialisti sembrano in evidentte difficoltà anche nella vicina Spagna, dove il premier Pedro Sanchez deve affrontare la dura protesta di Yolanda Diaz, la ministra del lavoro di Podemos, che ha chiesto un vertice di maggioranza sulla questione della riforma del lavoro.

La vice premier socialista e ministro dell’economia Nadia Calvino, ha preteso che alla stesura della stessa partecipasse anche il suo ministero. Podemos ha considerato questo fatto come un affronto ed un chiaro tradimento del patto di governo con i socialisti La legge di bilancio rischia quindi di diventare un passaggio cruciale (sperando per Sanchez che non si ripeta il film già visto in Portogallo), per il governo socialista, che deve anche tenere in conto le istanze dei separatisti baschi e catalani, il cui voto è fondamentale per la sopravvivenza del governo.

Si preannuncia quindi una fine d’anno assai complicata per Sanchez, considerando che i dati economici sono già stati rivisti al ribasso rispetto alle previsioni. Ma se nella penisola iberica i socialisti hanno le loro difficoltà a gestire i governi del paese, in Francia il vecchio ps sembra non riuscire da tempo a rappresentare una alternativa credibile per la presidenza . Mentre a livello locale continua a mantenere una sua rilevanza ( forse Letta che della Francia dovrebbe essere profondo conoscitore, dovrebbe fare tesoro di questo, pensando al successo del Pd alle ultime amministrative ) a livello nazionale non riesce a trovare quella leadership in grado di farlo uscire dalla sabbie mobili, in cui sembra essere finito dal 1995, dopo la fine del secondo mandato alla presidenza di Mitterrand ( la triste parentesi di Hollande ha solo rafforzato l’idea della inadeguatezza del partito).

I sondaggi vedono due candidati di destra, l’editorialista di le figaro, il radicale anti isalmico Erik Zemmour e la solita Marine Le Pen in testa ai sondaggi per sfidare il prsidente Macron. La candidata socialista Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, sembra fin d’ora non avere la minima chance per correre alle prossime presidenziali. Ma anche in Gran Bretagna il vecchio labour non pare certo godere di buona salute. Dopo la paradossale per certi vesri parentesi dell'estremista di sinistra Jeremy Corbin, ora si è affidata ad un anonimo avvocato tale Sir Keir Starmer ex ministro ombra dell’immigrazione. Insomma al di là degli entusiasmi trionfalistici di Enrico Letta per la vittoria delle amministrative in Italia, il panorama della socialdemocrazia in Europa e in Usa, non sembra certo incoraggiante.

La stessa Germania affidandosi al burocrate Scholtz, deve ora affrontare un lungo e certo non semplice periodo di transizione per arrivare ad accordi con verdi e liberali per poter tornare a guidare il paese. Ecco allora che la sinistra sembra avilupparsi nei suoi tormenti esistenziali  e nelle sue contraddizioni di fondo, che lo  rendono una sorta di eterna incompiuta, stretta tra la vecchie idee di socialismo e la nuova idea di moderna socialdemocrazia. La destra anche populista e sovranista, è stata in grado di riempire abilmente il vuoto lasciato dalla vecchia sinistra e di rispondere a quelle che sono le esigenze delle fasce più deboli della popolazione.

Commenti
    Tags:
    europasinistrausa





    in evidenza
    "Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

    Finley, l'intervista di Affari

    "Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

    
    in vetrina
    Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

    Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


    motori
    Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

    Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.