A- A+
Esteri

Cacciabombardieri Usa hanno compiuto per la prima volta mercoledì 5 agosto un raid aereo «letale» sul Nord della Siria decollando da una base nel Sud della Turchia, il cui uso è stato concesso dalla Turchia alle forze Usa con un accordo sottoscritto il 29 luglio scorso, proprio per permettere di bombardare più agevolmente le milizie del califfato. Lo riferisce la Cnn citando due fonti diverse della Difesa statunitense.

Poco prima, il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva affermato che Turchia e Stati Uniti «hanno fatto progressi» riguardo all’uso della base militare turca di Incirlik (che si trova a una sessantina di chilometri dal confine siriano) da parte degli aerei Usa e che «gli aerei americani stanno cominciando ad arrivare». «Presto - ha aggiunto - lanceremo una completa lotta contro Daesh», l’acronimo arabo per Stato islamico. La Turchia aveva dato il via ai raid contro l’Isis per la prima volta a fine luglio: si è trattato di bombardamenti a tappeto che secondo il governo turco avrebbero colpito almeno 35 miliziani.

Tags:
siriaisisturchia
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.