A- A+
Esteri

L'Onu evacuera' meta' del suo staff straniero presente in Siria, che attualmente ammonta a un centinaio di unita'. Lo hanno reso noto fonti diplomatiche del Palazzo di Vetro, spiegando che la decisione e' legata ai crescenti rischi per la sicurezza dovuti all'intensificazione dei combattimenti. Nell'ambito di questo ridimensionamento, sara' chiuso l'ufficio a Damasco dell'inviato delle Nazioni Unite, Lakhdar Brahimi, il cui staff sara' trasferito al Cairo o in Libano.

SIRIA: OPPOSIZIONE OCCUPA SEGGIO DAMASCO SU INVITO EMIRO QATAR - L'opposizione siriana ha occuparo il seggio spettante a Damasco al vertice della Lega araba, a Doha. Su invito dell'emiro del Qatar, sceicco Hamad bin Khalifa al-Thani, subito dopo la formale apertura dei lavori, la delegazione della Coalizione Nazionale Siriana, principale cartello delle forze di opposizione, ha occupato il seggio che era vacante dal novembre 2011 in seguito all'espulsione del regime di Bashar al-Assad. A prendervi posto e' stato Ahmed Moaz al-Khatib, presidente dimissionario della Coalizione, che aveva comunque accettato d'intervenire al summit e di parlare a nome dell'alleanza. Accanto a Khatib il neo-premier in esilio Ghassan Hitto, designato nella riunione d'Istanbul del 18 marzo ma non riconosciuto dai disertori del Libero Esercito Siriano. Al posto della bandiera ufficiale della Siria, un tricolore rosso-bianco-nero con al centro due stelle verdi, e' stato issato il vessillo degli insorti, verde, bianco e nero sormontato da tre stelle rosse. "Vi chiedo il permesso d'invitare i signori Ahmed Moaz al-Khatib e Ghassan Hitto a occupare il seggio della Siria in questo consesso", sono state le parole del sovrano qatariota, rivoltosi ai leader degli altri venti Stati membri. Questi hanno accolto con applausi scroscianti l'ingresso nella sala dei due rappresentanti dell'opposizione siriana. Assenti per ragioni di salute soltanto re Abdullah dell'Arabia Saudita, lo sceicco Khalifa bin Zayed al-Nahyan, presidente della Federazione degli Emirati Arabi Uniti, l'algerino Abdelaziz Bouteflika e l'iracheno Jalal Talabani. In loro vece i rispettivi primi ministri.

Tags:
siriaonu
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.