A- A+
Esteri

Unico riscontro finora apparentemente positivo alla richiesta di asilo da parte di Edward Snowden, la talpa dell'Nsgate, viene dal presidente boliviano Evo Morales, noto per le sue posizione anti-statunitensi. Quest'ultimo senza prendere impegni formali, ha dichiarato che, "se Snowden ci chiedera' asilo, ne discuteremo. Perche' No?". In ogni caso Morales ha chiarito che al momento la Bolivia non ha ricevuto alcuna richiesta.

Edward Snowden, la 'talpa' dell'Nsagate, ha presentato richiesta di asilo in 21 Paesi. Di seguito la lista dei Paesi presso cui ha inoltrato la domanda, cosi' come pubblicata da Wikileaks, ma anche le reazione al momento. Atrtualmente il 30enne ex analista della Cia si trova in una sorta di 'limbo' legale e territoriale, la zona transito dell'aeroporto di Mosca Sheremetevo: non ha documenti di viaggio e ha avanzato la sua richiesta attraverso il suo legale rappresentante.
 

HANNO GIA' DETTO NO
Finlandia
Polonia
India

SNOWDEN DEVE RECARSI DI PERSONA IN AMBASCIATA O ALLA FRONTIERA
Austria
Ecuador
Norvegia
Spagna


DISPONIBILE IN VIA DI PRINCIPIO
Ecuador
Bolivia

NON HANNO CONFERMATO ARRIVO RICHIESTA
Cina
Irlanda

NON HANNO RICEVUTO LA RICHIESTA
Francia e Svizzera

NESSUNA DECISIONE
Brasile, Cuba Germania, Islanda, Italia (1), Olanda, Nicaragua, Russia (2)

(1) Fonti diplomatiche italiane hanno tuttavia fatto notare che la richiesta e' "irrituale" e che un richiedente asilo deve presentarsi direttamente in un'ambasciata o alle frontiere

(2) Secondo il Cremlino, comunque, Snowden ha ritirato la richiesta avanza al governo di Mosca dopo che il presidente, Vladimir Putin, gli aveva chiesto di interrompere le rivelazioni sull'intelligence statunitense.  

emma bonino

Il ministro degli Esteri Emma Bonino, interpellata da Affaritaliani.it, nega che ci sia una richiesta di asilo politico fatta all'Italia da Edward Snowden: "Quando ho cose da dire le dirò. All'ambasciata italiana a Mosca non risulta questa richiesta". Mercoledì il ministro riferirà in Parlamento.  Intanto in una lettera al governo di Quito, la talpa dell'Nsgate ringrazia il governo ecuadoregno per avergli consentito di raggiungere la Russia e per aver esaminato la sua richiesta di asilo ma afferma che continuerà a rivelare segreti degli 007 Usa "al servizio del pubblico interesse". Affermazione che pone a rischio la domanda di asilo presentata a Mosca. Putin infatti aveva detto a Snowden che sarebbe stato ben accetto in Russia a patto che la smettesse di "danneggiare i nostri partner americani"

Edward Snowden ha chiesto asilo a 21 Paesi, tra cui l'Italia. E' quanto sostiene Wikileaks sulla sua pagina web. In attesa di una risposta da Ecuador e Islanda, l'ex tecnico della Cia responsabile della fuga di informazioni sulle attivita' dell'Agenzia per la sicurezza nazionale Usa, ha chiesto asilo ad altri 19 Paesi attraverso un legale del sito fondato da Julian Assange, Sarah Harrison, che ha personalmente inviato le richieste a : Spagna, Austria, Bolivia, Brasile, Cina, Cuba, Finlandia, Francia, Germania, India, Italia, Irlanda, Paesi Bassi, Nicaragua, Norvegia, Polonia, Russia, Svizzera e Venezuela. Le richieste di asilo politico saranno trasmesse alle ambasciate di questi Paesi dalle autorita' consolari russe.

Tags:
snowdenrussiasegreti
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah

Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah


motori
BMW accelera nella mobilità elettrica

BMW accelera nella mobilità elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.