A- A+
Esteri
Era meglio la Trabant della Volkswagen. Brutta ma pulita


Di Marco Rizzo, segretario del Partito Comunista

Nel 1989 con la caduta del muro di Berlino, il capitalismo sembrava aver vinto la partita sul socialismo prefigurandosi come sistema da "fine della storia". Usando una metafora automobilistica la "bella" Volkswagen aveva vinto sulla "brutta" Trabant. Oggi, nella concretezza della crisi capitalistica, in uno dei luoghi più alti della catena imperialistica, un colosso automobilistico come Volkswagen mostra il suo vero carattere, coinvolgendo anche il correlato sistema politico della Merkel. Sembrano tutti scandalizzati quando non c'è motivo di esserlo. Il sistema (capitalistico) e' fondato sull'unica ragione del profitto ad ogni costo. C'è chi delinque, chi evade, chi ruba. Insomma ognuno cerca, secondo le proprie modalità e possibilità, di fregare il prossimo. In una società dove i margini del riformismo sono totalmente esauriti si può affermare che non esiste il capitalismo "buono" quello produttivo dell'industria , della Volkswagen ad esempio. Esiste il capitalismo. E noi lo combattiamo prefigurando un altro modello di società, quella socialista-comunista.

Tags:
trabantddrcomunismocapitalismorizzogermaniavolkswagen
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.