A- A+
Esteri
Turchia, Erdogan rieletto al primo turno. Accusa delle opposizioni: brogli

Quando è quasi al termine lo spoglio delle schede elettorali in Turchia, l'88% delle schede scrutinate, il presidente uscente Recep Tayyip Erdogan si avvia verso una riconferma al primo turno con il 53,56% delle preferenze a proprio favore. Per lui hanno votato frutto di 23 milioni e mezzo di cittadini turchi. Dieto di lui, al 30,29%, il candidato repubblicano Muharrem Ince del Chp, che di voti ne ha ottenuti piu' di 13 milioni. A seguire dei due principali contendenti, Meral Aksener della neoformazione nazionalista Iyi Parti con il 7,48%, che e' stata superata dal filocurdo Demirtas che ha toccato il 7,6% con tre milioni e trecentomila voti.

 

Turchia: Erdogan conserva maggioranza, ma curdi entrano in Parlamento

 

In Turchia, l'Akp di Recep Tayyip Erdogan, che si avvia alla riconferma sulla poltrona di presidente della Repubblica, sara' ancora il primo partito in Turchia. Con piu' del 90% delle schede scrutinate, e' in vantaggio la coalizione formata dall'Akp di Erdogan, al 42,8%, e i nazionalisti dell'Mhp all'11,3% per un totale del 54,4%. Un risultato che garantisce a questa coalizione 342 voti, molto oltre la maggioranza assoluta di 301 seggi nel nuovo parlamento turco, che in virtu' della riforma costituzionale in senso presidenziale passa da 550 a 600 parlamentari. La maggioranza assoluta e' garantita solo in virtu' dell'alleanza Akp-Mhp, con il partito di Erdogan comunque in lieve caduta. Al 33,9% la coalizione formata dai repubblicani del Chp, al 22,47%, l'Iyi parti di Meral Aksener al 10% mentre i conservatori di Saadet superano di poco l'1%. A questa seconda coalizione saranno assegnati 192 seggi. Sopra la soglia del 10%, oltre al neonato Iyi parti, anche i filo curdi dell'Hdp, che con il 10,84% delle preferenze si sono garantiti 66 seggi.



Turchia: Erdogan, "abbiamo dato una lezione di democrazia"



"Abbiamo dato a tutti una lezione di democrazia. Nessuno si azzardi a danneggiare la democrazia gettando ombre su questo risultato elettorale, per nascondere il proprio fallimento": cosi' il presidente Recep Tayyip Erdogan, ad Ankara, da dove ha seguito lo spoglio delle schede che lo ha visto trionfare al primo turno e riconfermato alla poltrona di presidente con piu' del 52% di voti.   Erdogan rivendica una vittoria che ancora non e' ufficiale e risponde all'opposizione che gia' ha accusato il presidente uscente di brogli, affermando che lo spoglio non sarebbe giunto al 95%, ma sarebbe ancora fermo al 37%.

 

Turchia: opposizione accusa, "brogli nel voto"

 

I repubblicani del Chp, principale partito di opposizione in Turchia al presidente uscente Recep Tayyip Erdogan, accusano l'agenzia di Stato turca Anadolu di aver diffuso false percentuali di voto riguardo le cruciali presidenziali e parlamentari, attribuendo all'uomo che governa la Turchia da 16 anni un dato piu' alto di quello reale, che sarebbe il 48%. "In base alle informazioni in nostro possesso al 5% dello spoglio il nostro candidato aveva il 40% ed Erdogan il 46%". Questa la denuncia del portavoce Bulent Tezcan, accuse poi riprese dal candidato repubblicano Muharrem Ince, che i dati quasi definitivi ufficiali danno al 30,7%. "Ci rifiutiamo di lasciare i seggi e smettere di seguire il conteggio, il dato che vedeva Erdogan al 59,8% con lo scrutinio al 20% e' falso, cosi' come i dati diffusi quando lo spoglio era al 39%. Seguiamo minuto per minuto le manipolazioni dell'Akp", ha rincarato la dose Tezcan. Anche un'altra organizzazione che monitorova il conteggio dei voti, formata da membri dei partiti di opposizione, vale a dire i repubblicani del Chp, i filo curdi dell'Hdp e l'Iyi parti di Meral Aksener la "Piattaforma per elezioni corrette", ha negato la veridicita' dei dati diffusi da Anadolu.La piattaforma ha mobilitato 415 mila osservatori e 195 mila volontari.

Tags:
turchiaerdogan presidenteturchia erdogan
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.