A- A+
Esteri
Istanbul, attacchi contro la polizia: uccisi 4 poliziotti e 1 soldato


Due attacchi in poche ore e in luoghi diversi della città hanno scosso Istanbul. Un primo attentato ha coinvolto Tensione altissima in Turchia: quattro agenti di polizia sono rimasti uccisi nell'esplosione di una mina su una strada nel sud-est della Turchia. La tv privata Ntv ha riferito che i quattro agenti sarebbero rimasti vittime di un attacco dei guerriglieri del Pkk curdo nella provincia sudorientale di Sirnak. Secondo le prime ricostruzioni, il veicolo blindato su cui viaggiavano è saltato in aria al passaggio su una mina. L'episodio è avvenuto nel distretto di Silopi, dove venerdì tre curdi erano morti in violentissimi scontri a fuoco con la polizia durati diverse ore in una zona popolata da civili.


 
L'attentato fa seguito a due attacchi compiuti questa mattina a Istanbul, in Turchia, facendo registrare una nuova escalation di violenza nel paese dopo la campagna di bombardamenti del governo contro i ribelli del Pkk e gli estremisti dell'Is.
 
Un'esplosione ha colpito una stazione di polizia, mentre ripetuti colpi d'arma da fuoco sono stati sparati contro il consolato statunitense in città. Almeno tre persone sono morte negli attacchi, che hanno fatto anche dieci feriti. La polizia ha dato il via a una vera e propria caccia all'uomo: un membro del commando di assalitori della sede diplomatica Usa - che secondo i media locali sarebbe una donna - è stato arrestato.
 
Attacco al commissariato. Il primo attacco ha avuto luogo poco dopo la mezzanotte: un'autobomba, lanciata da un kamikaze, è esplosa davanti una stazione di polizia nel quartiere di Sultanbeyli, sulla riva asiatica del Bosforo: dieci persone sono rimaste ferite e tra queste anche tre agenti. L'attacco ha provocato la reazione della polizia: scontri a fuoco sono proseguiti per tutta la notte. Due sospetti militanti, la cui affiliazione non è stata ancora resa nota, sono stati uccisi. In un conflitto a fuoco ha perso la vita anche un agente: secondo l'agenzia di stampa Dogan si tratterebbe del funzionario Beyazit Ceken.
 
Spari contro il consolato Usa. A distanza di qualche ora, due assalitori - tra cui una donna - hanno aperto il fuoco contro il consolato americano a Istanbul, nel quartiere IstinyeI, sul Bosforo. Secondo fonti locali, sono stati sparati "numerosi colpi". La polizia ha reagito e i due aggressori si sono dati alla fuga. I media turchi hanno riferito che la donna, ferita, è stata rintracciata e arrestata poco dopo.
 
I motivi dell'attacco non sono ancora noti. Un portavoce dell'ambasciata degli Stati Uniti ad Ankara ha precisato: "Stiamo ancora cercando di capire cosa è successo".
 
L'elicottero. Sempre stamattina un soldato turco è rimasto ucciso e un altro ferito da colpi d'arma da fuoco sparati da guerriglieri del Pkk contro un elicottero militare nella provincia sudorientale di Sirnak. L'elicottero, che stava trasferendo personale militare, è stato attaccato con armi contraeree e granate a razzo. A seguito dell'attacco elicotteri Cobra turchi hanno bombardato l'area in cui i guerriglieri erano fuggiti.

Tags:
turchia
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles anticipa il futuro Full eletric con DS3 Crossback E-Tense

DS Automobiles anticipa il futuro Full eletric con DS3 Crossback E-Tense


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.