A- A+
Esteri
Ucraina, l'odissea dei profughi: "Decine di ore di coda, per colpa di Orban"
Il campo di Progetto Arca, a Syret, cittadina rumena al confine con l'Ucraina 

La drammatica testimonianza dai campi profughi

"In questi giorni drammatici in cui centinaia di migliaia di cittadini ucraini fuggono dai bombardamenti e che vedono la solidarietà di tutta l'Europa verso il popolo ucraino, è sconcertante assistere alle file lunghissime che si registrano al confine tra Romania e Ungheria, dove chi fugge dalla guerra è costretto ad attendere anche decine di ore nei passaggi da un Paese all'altro". A denunciare la situazione è Alessandro Giungi, consigliere comunale di Milano che sta partecipando alla missione di Progetto Arca, a Syret, cittadina rumena al confine con l'Ucraina.

"Orban ha inasprito il controllo dei passaporti"

"Servirebbe il massimo della velocità e dell'efficienza per permettere a donne, uomini, bambini e anziani di nazionalità ucraina di godere di un po' di pace, raggiungendo celermente i Paesi dell'UE in cui hanno parenti o amici. Invece in un contesto simile il Governo ungherese di Orban ha deciso di inasprire il controllo dei passaporti alla frontiera con la Romania causando ulteriori disagi e fatica a chi deve già fare i conti con una situazione drammatica. Tutto ciò contraddice la decisione storica dell'UE di attivare la direttiva sulla protezione temporanea a tutti coloro che fossero stabilmente residenti in Ucraina".

Verrà richiesto l'intervento dell'Unione Europea

In un comunicato congiunto con l'europarlamentare Pierfrancesco Majorino, Giungi specifica inoltre: "Anticipiamo che ci rivolgeremo con atti formali alle Istituzioni dell'Unione Europea, a partire dalla Commissione Europea, per chiedere spiegazioni e interventi di fronte all'incomprensibile comportamento delle autorità ungheresi, oltremodo punitivo verso chi tanto ha già sofferto e che si aspetta aiuto e sostegno proprio dai Paesi UE. Si stanno registrando in queste ore casi di snervante attesa che mettono per oltre dieci, quindici ore a dura prova famiglie con bambini costrette a fermarsi ingiustificatamente e senza alcuna ragione logistica, nonché senza alcun supporto, alla frontiera, in contesti nei quali la temperatura scende sotto lo zero".

Leggi anche: 

Governo, Draghi pronto a dimettersi. Elezioni a giugno o settembre

Governo, solo l'invasione militare di Putin evita la crisi

Guerra Ucraina, Picierno (Pd): "All'Ue servono una voce e un esercito unico"

"Rai, inopportuni attacchi a Innaro. Ha ancora senso collegarsi con Mosca?"

Ucraina, parte la raccolta di beni. I punti con camion e volontari a Milano

Guerra Russia-Ucraina, anche Generali abbandona Mosca. Stop di Toyota e VW

Fabrizio Corona è pronto a combattere in Ucraina e "morire in gloria"

Terza Guerra Mondiale: Giulietto Chiesa aveva previsto tutto due anni fa

Cryptosmart, ecco due servizi per utilizzare i bitcoin nella vita reale

BPER Banca, a sostegno degli studenti della Cattolica

Gruppo FS Italiane: Trenitalia presenta “Blues”, il suo primo treno ibrido

Commenti
    Tags:
    guerra russia-ucrainaorbanpierfrancesco majorinoprofughi





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.