A- A+
Esteri
Ucraina, soldati addestrati dalla Nato. Il militare russo: "Ho visto torture"

Militari ucraini addestrati dalla Nato, il militare russo disertore: "Situazione fuori controllo"

Mentre alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera si cerca un complesso equilibrio, arrivano novità dal campo. Come racconta il Corriere della Sera, "la Nato prova a tenere il passo in vista delle prossime settimane attraverso l’addestramento degli ucraini all’uso dei nuovi equipaggiamenti, ma anche a condurre manovre integrate. Il Pentagono ha annunciato la fine del corso per 635 uomini in Germania, al poligono di Grafenwöhr. Sono gli equipaggi peri blindati Bradley — arrivati da qualche giorno in buon numero — e peri cannoni semoventi M109 Paladin".

Come spiega il Corriere della Sera, si è trattato di "un addestramento di appena cinque settimane, tappe forzate per accelerare i tempi. Altri 710 elementi sono pronti peril secondo scaglione ed è prevista un’ attività simile per artiglieri e militari che riceveranno i blindo Stryker. La Gran Bretagna, invece, ha rivelato di averne preparati 10 mila, e che espanderà il programma — condotto con la partecipazione di istruttori di Paesi partner — ad altri 20 mila".

Sempre il Corriere della Sera ha intervistato Konstantin Yefremov, 33 anni, ufficiale a capo di un’unità di sminamento della 42a divisione fucilieri dell’esercito russo e disertore. "Ero in Crimea, il 27 febbraio mi hanno mandato con la mia squadra di venti persone a Bilmak, vicino a Melitopol", racconta, dicendo di non aver capito che si sarebbe entrati in guerra. "Pensavamo fossero le solite minacce di Putin. Bombardavano e marchiavano i mezzi con la lettera Z. Ho chiesto di lasciare l’esercito".

Il militare racconta al Corriere della Sera che "quasi tutti" erano contro la guerra." La maggior parte di noi si è arruolato perché povero. Vengo da un villaggio del Caucaso, nel 2013 sono entrato nell’esercito per aiutare mia madre. Nessuno dei miei voleva uccidere gli ucraini, abbiamo amici e parenti che vengono da lì". L'ex tenente dice poi di aver "visto torturare. Ho assistito a quelle di tre uomini, tra cui un cecchino. Il comandante ha preso una mazza di legno e gliela picchiava sulle dita, sulle ginocchia, gli ha rotto il naso e i denti. Quando beveva faceva anche peggio. Ha sparato alle mani e ai piedi di un prigioniero". Tra le altre cose della ricca intervista al Corriere della Sera, il militare russo dice anche che la maggior parte dei soldati non sono professionisti e che sul campo di battaglia scorrerebbe molto alcol e la situazione "è fuori controllo".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra ucrainanatosoldato russoterza guerra mondialeucraina





in evidenza
World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024

La “Pietà” di Gaza

World Press Photo, ecco la foto vincitrice del 2024


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

Citroën rivoluziona il mercato con la Nuova C3 Aircross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.