A- A+
Esteri
Usa 2016, Luttwak: Hillary abituata a mentire. Caos se non si ritira

"C'è una fitta nebbia di contraddizioni e una palese mancanza di sincerità". Con queste parole il politologo americano Edward Luttwak, intervistato da Affaritaliani.it, parla delle condizioni della candidata democratica alla Casa Bianca Hillary Clinton. "E' possibile che la nebbia si diradi presto ed è già accaduto in passato che la persona nominata venisse poi sostituita. Ma deve essere la stessa Hillary a fare un passo indietro perché non esiste un meccanismo di sostituzione forzata".

"Gli Stati Uniti non sono come l'Italia dove un presidente del Consiglio si può creare in Parlamento, e infatti se deputati e senatori lo volessero potrebbero mandare a Palazzo Chigi anche un senegalese sbarcato stamattina sulla spiaggia di Ventimiglia. Il sistema americano prevede l'elezione diretta del presidente e le persone che in questo momento detengono il mandato del popolo sono Donald Trump da una parte e Hillary Clinton dall'altra, ovviamente poi ci sono gli altri candidati".

"Se la Clinton decide di ritirarsi poi si apre un processo di registrazione da parte di chi intende sostituirla in tutti i 50 stati, o almeno in quelli dove vuole presentarsi alle elezioni presidenziali. Una cosa non semplice ma comunque fattibile. Però - spiega Luttwak - è molto probabile che Hillary resti al suo posto e se è così il tutto diventa molto complicato. E' altamente improbabile che stia dicendo la verità perché quando lei dice qualcosa, solitamente, nel giro di tre settimane viene fuori che la verità è un'altra e viene contraddetta. Magari non ha nulla di orribile o compromettente ma Hillary ha grosse difficoltà a raccontare la verità. Se così fosse sarebbe molto complicato qualora non si ritirasse. E il pericolo è che venga eletta e poi cada, a quel punto ci sarebbe in carica il suo vice-presidente e la situazione sarebbe estremamente complessa".

Quanto ai possibili sostituti della Clinton, Luttwak esclude l'ipotesi Michelle Obama. "E' una figura mediatica e non politica e prenderebbe pochissimi voti. C'è l'ipotesi Joe Biden, l'attuale vice di Obama, ma il più probabile è il Governatore della California Jerry Brown, figura molto popolare (più di Biden) e vero veterano della politica Usa con un largo appoggio popolare. Serve in sostanza una persona all'interno della vita politica statunitense".

Tags:
luttwak clinton voto usa
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.