A- A+
Esteri
Usa, dalle Hawaii primo ricorso contro nuovo Muslim Ban di Trump

I procuratori dello Stato delle Hawaii hanno informato la corte locale che intendono chiedere al giudice federale un ordine temporaneo per bloccare il nuovo ordine esecutivo del presidente degli Stati uniti Donald Trump che vieta l'ingresso in Usa per tre mesi ai cittadini di Iran, Siria, Sudan, Yemen, Somalia e Libia.

Si tratta della prima offensiva legale contro il nuovo Muslim Ban dell'inquilino della Casa Bianca, che sospende i visti per questi sei Paesi musulmani. Il New York Times ha segnalato ieri che nonostante sulla carta il nuovo documento abbia eliminato alcuni elementi che avevano portato il vecchio ordine, quello del 27 gennaio, ad essere bloccato da una corte d'Appello, continuano a esserci dei passaggi che potrebbero violare la costituzione Usa. 

Intanto dopo aver ottenuto l'ovazione più sentita da parte dei membri del suo partito, Trump deve fronteggiare anche le prime tensioni dei repubblicani sulla volontà di sostituire l'Obamacare, ancora prima che la questione entri nel vivo. Dopo il disegno di legge presentato dai deputati del Gop alla Camera, promosso dallo stesso presidente Usa, una serie di legislatori conservatori si è fatta avanti contro gli sforzi per abrogare l'Affordable Care Act, approvato nel 2010.

L'agenzia di rating Standard & Poor's avverte: fino a 10 milioni di americani rischiano di perdere la copertura medica se i piani del Gop andranno avanti. Ad opporsi a quella che alcuni hanno già ribattezzato "RyanCare" - nome che si ispira al cognome dello speaker repubblicano alla Camera che la promuove - sono alcuni gruppi conservatori.

La corrente del cosiddetto "Club of Growth" ha dato voce alle critiche insieme a Heritage Action for America e Americans for Prosperity (dei fratelli Koch). "Questo non è il disegno di legge per l'abrograzione dell'Obamacare che ci aspettavamo. E' un passo nella direzione sbagliata", hanno fatto capire. "Abbiamo premesso al popolo americano che avremo bonificato la palude a Washington [un'espressione tanto usata da Trump] ma questo disegno di legge non lo fa".

Al coro delle critiche si è aggiunto FreedomWorks, secondo cui la "RyanCare" non mantiene le promesse fatte in campagna elettorale. La loro preoccupazione è che il progetto di riforma non faccia abbastanza per ridurre i costi e per aprire ancora di più la sanità al libero mercato. In pratica, gli ultraconservatori volevano qualcosa di più coraggioso al fine di ottenere una riduzione maggiore dei fondi pubblici destinati alle cure sanitarie. Ora il rischio è che i repubblicani alla Camera si ritrovino con le spalle al muro. E questo non è promettente: presupponendo che tutti i democratici siano contro a priori, si possono permettere di perdere solo 21 voti di membri del partito alla Camera e due al Senato.

Tags:
usaricorso contro nuovo muslim ban trumphawaii ricorso muslim ban
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.