A- A+
Esteri
Usa 2024, Trump avanti nei sondaggi: stanotte sfida tv con Biden
Joe Biden - Donald Trump (Lapresse)

Usa: Trump avanti tra 4 e 6 punti nei sondaggi

Donald Trump e' avanti di sei punti percentuali tra gli elettori registrati e di tre punti tra i probabili elettori a livello nazionale rispetto a Joe Biden. E' quanto emerge dall'ultimo sondaggio effettuato dal New York Times in collaborazione con Siena College. Si tratta del il miglior risultato degli ultimi mesi in un sondaggio nazionale, sottolinea il NYT, secondo cui bisogna tornare a un sondaggio della CNN/SSRS di aprile per trovare una rilevazione che mostri il tycoon avanti di sei punti tra gli elettori registrati. Un altro sondaggio di Quinnipiac di oggi ha rilevato che Trump e' in vantaggio di quattro punti tra gli elettori registrati. 

Trump, Biden minaccia per democrazia ed esistenza Usa

"Joe Biden è una minaccia per la democrazia e una minaccia per la sopravvivenza e l'esistenza del nostro stesso Paese": lo scrive Donald Trump sul suo social Truth poche ore prima del duello tv con il presidente.

Usa 2024: stanotte la sfida tv tra Biden e Trump 

Alle 3 del mattino italiane, le 21 locali, milioni di americani si sintonizzeranno sulla Cnn per l'attesissimo dibattito tra il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e il suo predecessore e sfidante, Donald Trump, determinato a riprendersi la Casa Bianca a quattro anni da una sconfitta di cui non ha mai riconosciuto davvero la legittimita'. I sondaggi continuano a scommettere su un testa a testa, con "The Donald" in leggero vantaggio in quegli Stati chiave destinati a decidere un'elezione dove potrebbero essere poche centinaia di migliaia di voti a fare la differenza tra vincitore e sconfitto.

Il duello televisivo potra' quindi avere un peso determinante su una partita che rimane apertissima e ha visto i toni alzarsi progressivamente nelle ultime settimane, con attacchi giocati sempre piu' sul piano personale. A fronteggiarsi per 90 minuti saranno i due candidati piu' anziani della storia degli Stati Uniti: 81 anni l'esponente democratico, 78 il repubblicano. Nonostante sia poco piu' anziano dell'avversario, e' Biden il bersaglio delle maggiori critiche per la possibile inadeguatezza legata all'eta' avanzata. Le ultime uscite pubbliche hanno mostrato un presidente stanco e affaticato, a volte quasi assente.

Trump da' l'impressione di un maggiore vigore fisico ma anche la sua lucidita' mentale solleva dubbi. Alcuni cronisti, per esempio, hanno riportato che durante le ultime apparizioni in tribunale il magnate ha avuto colpi di sonno e ha risposto talvolta in modo sconclusionato. Anche per questo lo schieramento repubblicano, pur avendo sostenuto che Biden fara' ricorso a sostanze stimolanti per reggere il dibattito, di recente ha spostato il mirino dalla senilita' dell'attuale comandante in capo alla sua gestione dell'economia e dell'immigrazione.

E' quest'ultimo il tema piu' caldo. Il faccia a faccia si terra' ad Atlanta, in Georgia, uno Stato che e' simbolo sia dei guai legali di Trump, accusato di aver fatto pressione sulle autorita' locali dopo il voto del 2020 per manipolare il conteggio a suo favore, che della fatica di Biden ad arginare i flussi irregolari in arrivo dal Messico. Trump ha puntato l'indice piu' volte sui crimini violenti commessi dagli immigrati e ha promesso deportazioni di massa. Biden ha reagito annunciando ieri che la recente stretta sul controllo della frontiera ha portato gli attraversamenti illegali ai livelli piu' bassi degli ultimi tre anni. Il presidente uscente fara' invece leva sulla retorica incendiaria e provocatoria del rivale e sulle sue numerose traversie giudiziarie, nonche' sul timore che intenda approfittare di un ritorno alla Casa Bianca per chiudere conti in sospeso e risolvere i suoi guai con la giustizia. La campagna democratica ha quindi sostenuto che Trump sia piu' preoccupato di prendersi la sua "vendetta" che dell'interesse dei cittadini e il Comitato Nazionale Democratico ha affisso cartelloni ad Atlanta ricordando agli elettori che il tycoon ha subito condanne penali. 

Se Biden ha trascorso la settimana fuori dai radar nel ritiro di montagna di Camp David vicino a Washington, con dibattiti simulati, la preparazione di Trump e' stata piu' rilassata e ha privilegiato comizi e tavole rotonde informali. Del resto, secondo il fronte repubblicano, il duello e' falsato in partenza, essendo ospitato da quella Cnn che ha piu' volte accusato di parzialita'.

A moderarlo Jake Tapper e Dana Bash, che hanno promesso di "utilizzare tutti gli strumenti a loro disposizione per far rispettare i tempi di parola e garantire un dibattito civile". L'imperativo e' infatti scongiurare il caos del primo vis a vis del 2020, quando i due contendenti trascorsero un'ora e mezza insultandosi e interrompendosi a vicenda. Stavolta il microfono di ogni candidato verra' spento durante l'intervento dell'altro e non ci sara' pubblico. Biden ha vinto un lancio della moneta che gli ha permesso di scegliere da che parte stare sul palco e se parlare per primo o per secondo durante le dichiarazioni di chiusura. Il presidente uscente ha scelto di posizionarsi a destra sullo schermo e di lasciare a Trump l'ultima parola.

La Cnn non ha indicato quali argomenti verranno trattati e non prevede un fact checking in tempo reale, opzione che, secondo alcuni analisti, avrebbe potuto surriscaldare l'atmosfera. I due candidati, inoltre, non avranno a disposizione un "gobbo", non potranno portarsi carte in studio e non potranno parlare con il loro staff durante le interruzioni pubblicitarie. Anomalie che ne accompagnano una che ha dello storico: il confronto avviene quattro mesi prima delle elezioni, mai cosi' in anticipo, con due contendenti che non hanno ancora ricevuto l'investitura ufficiale dai rispettivi partiti. Un secondo duello e' previsto il 10 settembre, due mesi prima del voto, e sara' ospitato da Abc.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.