A- A+
Esteri
Usa, Trump nomina Neil Gorsuch alla Corte Suprema

Donald Trump ha nominato Neil Gorsuch come giudice della Corte Suprema, chiamato dal presidente Usa a ricoprire il posto lasciato vuoto quasi un anno fa dalla morte di Antonin Scalia. E' proprio a quest'ultimo, deceduto il 13 febbraio 2016, che il Commander in chief si è ispirato per la scelta. Come Scalia, Gorsuch è considerato un "originalista", vale a dire un giudice che interpreta la Costituzione in modo letterale cercando il più possibile di basarsi sul pensiero originale dei padri fondatori. "Neil Gorsuch ha competenze legali incredibili, una mente brillante, una disciplina favolosa e si è guadagnato un sostengo bipartisan", ha detto Trump in un messaggio in diretta dalla East Room della Casa Bianca. "Ha un curriculum straordinario", ha continuato rivolgendosi all'"uomo di cui il nostro Paese ha davvero bisogno". Lui era alla sua sinistra insieme alla moglie, Louise. Tra il pubblico che assisteva all'annuncio era presente anche Maureen, la moglie di Scalia, a cui Trump si è rivolto dicendo che "l'immagine e il genio" di suo marito erano con lui mentre giungeva alla sua decisione. Lo stesso Gorsuch non ha mancato di ricordare Scalia nel suo breve discorso: "Era un leone della legge. Dotato di saggezza e di umorismo. Manca ai suoi colleghi, e manca anche a me". E, a proposito dei colleghi di Scalia, Gorsuch ha rivolto un pensiero commosso a due di loro in particolare: i giudici della Corte Suprema di cui fu assistente negli anni Novanta. Uno, Byron White, è morto nel 2002. L'altro, che oggi ha 80 anni e fu nominato da Ronald Reagan, è Anthony Kennedy: se il Senato approverà la nomina di Gorsuch, diventeranno colleghi. "Questo giorno è tanto mio quanto loro", ha detto ringraziandoli. Sarà Kennedy a determinare con il suo voto altalenante le decisioni del massimo organo giudiziario Usa.

Se la sua nomina verrà confermata, la Corte Suprema avrà un'anima prevalentemente conservatrice (i liberal saranno quattro contro una maggioranza di cinque). Non è affatto escluso che al Senato, le audizioni per la sua conferma siano accese da parte democratica visto il rifiuto dei repubblicani a confermare la scelta presentata dall'ex presidente Barack Obama nel marzo 2016 (Merrick B. Garland). Trump spera che così non sia: "Spero che sia i democratici sia i repubblicani possano per una volta essere d'accordo, per il bene del Paese", ha continuato Trump. Gorsuch - nominato a diventare un giudice federale da George W. Bush nel 2006 - è nato a Denver nel 1967, ha un curriculum d'eccellenza e una madre che fu una figura importante nell'amministrazione Reagan (Anne McGill, la prima donna a capo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente). A soli 49 anni, è il più giovane nominato alla carica da 25 anni. Dei tre possibili candidati di cui si era parlato fino all'ultimo (gli altri due erano Thomas Hardiman e Bill Pryor) era anche quello con le migliori credenziali. Ha studiato alla Columbia, ad Harvard (insieme a Obama) e a Oxford (dove ha ottenuto un dottorato). "E' uno dei più stimati uomini di legge conservatori e originalisti della sua generazione", ha detto di lui Jeffrey Rosen del National Constitution Center, che ha poi lodato il suo stile di scrittura giudiziaria definendolo "memorabile" e la sua preparazione. I democratici non ne sembrano convinti né gli attivisti liberal che hanno protestato davanti alla Corte Suprema.

Tags:
gorsuch trump corte usa
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.