A- A+
Food
Don Pasta presenta "Kitchen social club" manifesto sociale dei cuochi
Don Pasta e il manifesto sociale dei cuochi

Venerdì 29 aprile, dalle ore 19.00 al Santeria Social Club viale Toscana 31, Milano
Don Pasta presenta "Kitchen social club", conversazione e cookin' dj set a km zero

Don Pasta, al secolo Daniele De Michele, dj, economista, artista-attivista del cibo, presenta in anteprima a Milano il suo nuovo libro "Kitchen social club. Il manifesto dei cuochi, del cibo e delle cucine sociali e popolari. Storie & ricette" (Altreconomia edizioni). 

Alle ore 19.30 alla Santeria Social Club, Don Pasta dialoga con Claudio Agostoni, giornalista e voce di Radio Popolare/Popolare network, presentando la sua ultima fatica, "Kitchen social club" è un vero e proprio repertorio di cuochi resistenti, cucine popolari e contadini militanti, con 25 storie di cibo senza sfruttamento e accessibile a tutti, dalle Arance allo Zafferano (vedi comunicato stampa e nota sull'autore). 
Alle ore 20.30 circa Don Pasta metterà in tavola uno straordinario cookin' dj set - food remix, offrendo piccoli assaggi a base di ingredienti del Parco Agricolo Sud Milano e altri ancora. Il poliedrico artista salentino usa insieme vinili e pentole contemporaneamente, mixer e minipimer per frullare musica e veloutés. Una consolle, un piano da cucina, fornelli e vinili, coltelli e Technics 1200 si sporcano a vicenda con buone vibes e farina. Una performance multimediale in cui ci si lascia andare alla emozione del cibo, ai suoi profumi, colori, le sue forme, i suoi aromi. 
Ingresso gratuito, piccoli assaggi inclusi. Tutta la sera si può mangiare e bere in Santeria.

“Kitchen social club”
Il manifesto dei cuochi, del cibo
e delle cucine sociali e popolari.
25 storie e ricette di cibo accessibile a tutti. 
Un repertorio delle cucine militanti e dei cuochi resistenti, 
a cura di Don Pasta, artista e attivista del cibo. 

 Mangiare bene - e far da mangiare bene - è una forma di resistenza: “Kitchen social club” è il primo libro che, in un'epoca di chef mediatici, racconta il cibo, le cucine e i cuochi sociali e popolari in Italia: 25 storie di cibo pulito, ovvero senza sfruttamento e accessibile a tutti, dalle arance allo zafferano, 25 ricette di cuochi militanti e di cucine a bassa soglia - dalle osterie a filiera cortissima alle trattorie meticce -, 25 narrazioni di contadini custodi della terra, pescatori sostenibili, casari resistenti e dei loro prodotti “genuini e clandestini”. 

Un libro curato da Don Pasta, citato dal New York Times come “uno degli artisti più innovativi sul cibo”, dj e performer gastronomico: “I resistenti di questo libro sono figure chiave, che si muovono con caparbietà per conservare un’intelligenza, una pratica, il piacere del gusto. Le persone incontrate in questo viaggio italiano - scrive l'autore - hanno aguzzato l’ingegno per resistere, con i piedi per terra, ma conservando la prassi contadina di risolvere un problema usando sempre la testa. Questo libro è un censimento di tutte le forme di resistenza possibile”. 

Un vero repertorio di realtà e persone che va dalle Alpi a Capo Passero, contadini e pescatori, canapicultori e mastri birrai in carcere, cooperative sociali e mense del popolo, comunità e gruppi d'acquisto solidali: “Siamo tanti, infinitamente tanti a credere che mangiar bene, dar da mangiar bene, sia un atto di militanza quotidiana, con pochi giri di parole, fatta di gesti spicci e di tanta integrità. Esiste un modo onesto, sano di stare al mondo, che è in questo caso è un modo onesto di mangiare e di far da mangiare. Un atto - infine - economico, ma che non può prescindere dagli altri”.

Mangiare e cucinare - e ancora prima coltivare bene -, nel rispetto dell'ambiente e delle persone, è nei fatti un gesto di ribellione al modello di produzione industriale del cibo e al suo asservimento alla grande distribuzione, tipica delle società capitalistiche. Un chiaro “no” alla standardizzazione di sementi e frutti della terra, al consumo di suolo fertile, alle mafie e allo sfruttamento nelle campagne. Questo libro racconta - al contrario - storie di lotte e di sapori irriducibili, di ricette imperfette, di valori e lavori della gente che coltiva, produce, trasforma e condivide buon cibo. 

Così scopriamo tra le righe che su una fetta di pane o sulla pasta da grani antichi ci va un pomodoro buono, senza caporali e sfruttamento, magari con un giro d’olio ‘ndrangheta free oppure condito con il formaggio di pecore felici. O assaggiamo uno yogurt migrante, che a colazione si sposa benissimo ai biscotti di economia carceraria. O scegliamo - al posto degli eventi paludati dei gastronomi ufficiali - un festival di cucine popolari autogestite. Oppure una osteria a “chilometro uno”. Scopri tutte le realtà nell'indice.

Tutto questo è diventato un manifesto, che serve a dare nome e cognome al cibo, alle cucine e ai cuochi sociali. 
Un manifesto fatto non di regole e assiomi ma di valori e di dubbi: 30 punti chiave, che identificano il cibo, le cucine e i cuochi di cui parliamo, con una caratteristica comune: il cibo fa parte di una relazione solidale e di fiducia tra chi produce, chi trasforma e chi mangia. “Kitchen social club” è - in sintesi - un circolo inclusivo e virtuoso di cuochi e cucine non allineati, dove il cibo è ciò che dovrebbe essere: non una merce ma un patrimonio comune. 

Che la “politica” abbia a che fare con un cibo popolare lo conferma la bella postfazione di Alberto Capatti, storico del  gusto. “Il popolo è sempre stato quell’unità culturale che, in campo alimentare, era coeso per abitudini, disponibilità, gusti, e coeso anche nelle rivoluzioni. E siccome oggi l’alimentazione si è trasformata da pratica domestica in un attivismo culturale, fare riferimento ad esso è definire le proprie idee e la propria appartenenza”.

“Kitchen social club. Il manifesto dei cuochi, del cibo e delle cucine sociali e popolari. Storie & ricette”
128 pagine, 12,50 euro (Altreconomia edizioni). A cura di Don Pasta

L'autore: Artista di fama internazionale, considerato dal New York Times come uno degli artisti “più innovativi sul cibo”, Don Pasta selecter (http://www.donpasta.com) un dj, economista, appassionato di gastronomia. Il suo primo progetto, “Food sound system” del 2006 è divenuto un libro, edito da Kowalski, e uno spettacolo multimediale, in tournée mondiale da dieci anni. A questo ha fatto seguito “Wine Sound System” (Kowalski) e “La Parmigiana e la Rivoluzione” (Stampa Alternativa). Nel 2015 ha pubblicato “Artusi Remix” per Mondadori. Scrive per Repubblica, Corriere della Sera, Manifesto, Left Avvenimenti. Per Treccani e Corriere della Sera ha pubblicato il format web: Nonne d’Italia in cucina. Organizza a Roma il festival Soul Food, incontro su cibo, arte e sostenibilità ambie ntale. Attualmente lavora al suo primo film-documentario sulla cucina popolare italiana. www.donpasta.com, pagina FB. Interviste a cura dei giornalisti Massimo Acanfora e Umberto Di Maria

Tags:
donpasta-kitchen-social-club-manifesto-sociale-cuochi
in vetrina
Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°

Previsioni meteo settimana: Ferragosto rovente, temperature fino a 40°

i più visti
in evidenza
Diletta Leotta, sirena in mare Lato B e pose zen... Le foto

Belen, Fico e... Gallery Vip

Diletta Leotta, sirena in mare
Lato B e pose zen... Le foto


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre

Maserati svela la Ghibli e Quattroporte Trofeo, le più veloci di sempre


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.