A- A+
Food
Gino Sorbillo: dai terreni confiscati alle mafie il "Piatto della legalità"


Gino Sorbillo, titolare della storica pizzeria napoletana, lancia un appello a tutto il settore:" utilizziamo prodotti da terreni confiscati alle mafie per creare ognuno il "Piatto della legalità".

 

Insieme a Gino Sorbillo in questa battaglia Ciro Corona, presidente di (R)esistenza che gestisce il primo bene agricolo confiscato a Napoli.

Un impegno alla legalità, al mostrare il volto di impegno e onestà che caratterizza una nuova città di Napoli, capace di costruire e dare opportunità di lavoro e impresa.

Il volto lo mette Gino Sorbillo, celebre pizzaiolo napoletano da generazioni, nato e cresciuto in Via dei Tribunali quartiere San Lorenzo e oggi proprietario di 15 locali in città, due a Milano e prossima apertura a New York.

"Da ragazzo, crescendo in questo quartiere, mi sentivo deriso dai coetanei che sceglievano la strada dell'illegalità, quasi che essere onesti fosse una colpa. Ma i miei valori erano e restano questi, oggi nei miei locali numerosi prodotti provengono da aziende che operano con beni confiscati".

È uno di questi coraggiosi è Ciro Corona, presidente dell'associazione (R)esistenza, che su quattordici ettari di frutteto e due di vigneto, il primo bene agricolo confiscato alla Camorra, produce una Falanghina dei Campi Flegrei "Selva Lacandona" e altri prodotti del territorio e dice "Noi napoletani onesti siamo più numerosi, possiamo riprendere la nostra città e non lasciarla in mano ai criminali. Questa è la nostra terra, non quella della criminalità e delle baby gang. Oggi i mondi sociali e imprenditoriali si incontrano e collaborano creando energia positive. Abbiamo con noi anche a nove detenuti in affidamento lavorativo, un segnale importante.

GUARDA IL VIDEO
 


Gli fa eco Ivan Mazzaro, titolare di "Mazz" pasticceria nella stessa via, che dal 1935 sforna gustosi Babà e commenta "il coraggio ci ha permesso di cambiare una zona che nel passato era davvero degradata. Ci abbiamo messo impegno e passione. Voglio dire a coloro che hanno lasciato la città, di tornare, impegnarsi e credere nel proprio progetto di legalità e onestà". E Mazzaro lo ha fatto, infatti lavora a Milano, ma a Napoli è impegnato nell'attività di famiglia. Un esempio di continuità e volontà.

Ecco dunque l'appello di Gino Sorbillo per la lotta alla illegalità:

 

"Voglio dire a tutti i ristoratori, ai pizzaioli di utilizzare i "prodotti della legalità". È facile, basta un clic sul web per trovare vino, pomodori, pomodorini, melanzane...

Fate un piatto, ne basta uno, ciascuno nel proprio ristorante o una pizza, utilizzando prodotti da terreni confiscati alle mafie. Sono prodotti di eccellenza ad un ottimo rapporto qualità prezzo. Chiamiamolo il "Piatto della legalità" e daremo tutti un forte contributo".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
piatto della legalità gino sorbillogino sorbillo pizzeria napoletanalegalità napolibeni confiscati alla mafia napoli
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido

i più visti
in vetrina
Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!


casa, immobiliare
motori
Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano

Audi rinnova la  partnership con Cortina per valorizzare l’ecosistema montano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.