A- A+
Food
Pitti Taste: alla Leopolda oltre 300 aziende di eccellenza

Testo e foto di Andrea Cianferoni

Taste compie 11 anni,  un compleanno ch dalla fase sperimentale dei primi anni sta traghettando il salone fiorentino a tappa obbligata non solo per gli operatori dell'alta gastronomia, ma anche per l’ appassionato pubblico dei foodies. Al Salone parteciperanno 340 aziende (in crescita rispetto alle 320 della scorsa edizione) con una partecipazione che si attesta sulle 14.000 presenze, che rappresentano le  migliori produzioni di nicchia provenienti da tutta l’Italia. Un viaggio attraverso cibi, vini e idee, alla scoperta delle tante e spesso nuove modalità in cui oggi si esprime e si sperimenta il gusto: tra tradizione e innovazione, tendenze e scuole di pensiero, attrezzature e tecniche professionali, food & kitchen design. Un vetrina si, ma anche un Taste Shop: lo spazio per l’acquisto dei prodotti degustati raccolti in un ricco catalogo. Taste Ring & Taste Events sarà invece il luogo in cui si parlerà di cibo insieme a Davide Paolini, da cui nasce l’idea del Salone in collaborazione con Pitti Immagine. Infine, con Fuori di Taste il cibo sarà protagonista in altri luoghi di Firenze con iniziative artistiche e culturali.  
Il tema del nuovo layout del Salone quest’anno richiamerà  l’atmosfera allegra e colorata di una festa patronale di paese, con luci vivaci e scenografiche installazioni di verde. Una sorta di Albero della Cuccagna moderno, curato da Alessandro Moradei, con cui Pitti Taste farà immergere il suo pubblico di professionisti del settore e di visitatori nei prodotti delle aziende e nelle novità di questa edizione. Un percorso coinvolgente e sorprendente, che animerà non solo gli spazi della Stazione Leopolda, ormai agli onori della cronache non solo nazionali per l’annuale convention di Matteo Renzi, ma anche della nuovissima ed adiacente location del Teatro dell’Opera, nel cui piazzale e nel foyer verranno ospitati per la prima volta eventi e progetti di Taste.

GLI  INCONTRI 

A Pitti Taste andrà in scena uno speciale viaggio alla scoperta delle “diversità” della materia prima alimentare proveniente da scenari lontani, con un progetto di Pitti Immagine realizzato in collaborazione con ITC International Trade Center, concepito appositamente per la manifestazione e il suo pubblico. 

Il primo incontro si svolgerà sabato 12 marzo alle ore 15 nell’area Ring della Leopolda all’interno della quale si parlerà di Sud America e dei Caraibi, per scoprire le produzioni alimentari specifiche di alcuni paesi – dalla patata peruviana alla noce moscata di Grenada, fino ad altre spezie e frutti tropicali – e raccontare la cultura, le storie, le mani e i volti dei popoli che li producono. Con una presentazione-evento che coinvolgerà chef e produttori locali, in dialogo con i protagonisti della cultura enogastronomica italiana.  A seguire, alle ore 17.00, si parlerà di olio d'oliva e delle sue problematiche in un dibattito dal titolo  “Come difendere l’olio extra vergine italiano da truffe, adulterazioni e campagne denigratorie all’estero?”. Previsti interventi del Col. Amedeo De Franceschi (responsabile operativo del Nucleo Agroalimentare e Forestale del Corpo Forestale dello Stato), Piero Gonnelli (presidente dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari), Maurizio Pescari (giornalista di Teatronaturale.it), Michele Bungaro (responsabile relazioni istituzionali di Unaprol). 
Sempre sabato 12 marzo alle ore 18,30 si svolgerà l’incontro di presentazione del progetto pilota “L’Orto dell’Oasi”, che si realizzerà a Firenze in occasione del restauro del Convento dell’Oasi del Sacro Cuore. Moderato dalla giornalista Giuliana Zoppis, vedrà la partecipazione di Alessia Bettini, assessore all’Ambiente del Comune di Firenze; l’architetto paesaggista Mariachiara Pozzana; l’agricoltore Viviano Venturi coordinatore del progetto “Agricoltori Custodi”; l’imprenditore Matteo Spagnoli, il professor Francesco di Iacovo, coordinatore del progetto Cibo Civile, e Tim Richardson, ideatore del Chelsea Fringe di Londra.

Domenica 13 marzo alle ore 12 Pitti Immagine e Guido Tommasi Editore presentano anche un’asta speciale dedicata alla storia della cucina stampata. Sul palco dei Taste Ring saranno protagonisti libri antichi di cucina, volumi preziosi che ripercorrono l’evoluzione della cucina e del mangiar bene, selezionati assieme a Valentina Romano della Libreria della Natura di Milano. A fare da banditori ci saranno Fede & Tinto, autori e conduttori del programma Decanter di Radio2, e l’intero ricavato dell’asta sarà devoluto all’Airc. 
Alle ore 15 protagonista sarà la birra artigianale in un dibattito tra esperti di settore dal titolo: “I birrifici artigianali italiani: continua la crescita o ci sarà una selezione di qualità?” con gli interventi di Teo Musso (mastro birraio e fondatore di Baladin), Agostino Airoli (mastro birraio e fondatore di Birrificio Italiano), Eugenio Pellicciari (fondatore di Italian Hops Company), Leonardo Di Vincenzo (mastro birraio e fondatore di Birra del Borgo). A seguire, alle ore 17, una discussione dal titolo “Il panino: via italiana al pranzo di mezzogiorno? Quale futuro per il panino gourmet e per il vegano?” con gli interventi di Alessandro Frassica (fondatore della paninoteca Ino Firenze), Piero Gabrieli (direttore marketing di Molino Quaglia), Tommaso Mazzanti (proprietario di All’Antico Vinaio di Firenze), Corradino Marconi (presidente del Consorzio Mortadella di Bologna). 

FUORIDITASTE

Oltre agli appuntamenti all’interno della Leopolda, Taste coinvolge l’intera città di Firenze ed i luoghi più celebri come ristoranti e palazzi storici. Un programma di ricco di degustazioni, dibattiti ed incontri conviviali. Tra questi non si può non citare Riccardo Barthel e il suo progetto Desinare che ospiterà la presentazione del progetto Fanceat, start-up creta creata da 4 giovanissimi amici piemontesi di 25 anni con l’intento di far arrivare direttamente a casa una scatola di ingredienti selezionati e preparati direttamente nelle cucine di ristoranti selezionati - sul sito è possibile selezionare il proprio menù tra quelli proposti da Fanceat - e recapitata a casa per permettere a tutti di servire una cena gourmet. 
Altro protagonista del FuoriDiTaste è il riso del Principato di Lucedio, storica azienda agricola del vercellese nella quale vengono coltivate le più pregiate e selezionate varietà di riso: dal Carnaroli all’Arborio, dal Vialone Nano al Baldo. Risotti della grande tradizione italiana che saranno preparati nella sera che precede l’apertura del Salone nel corso di una serata ad invito, con la regia di Donatella de Peverelli, dal titolo “Risotto d’Amare” nel ristorante di pesce Filipepe di Mariano Aversa, che vanta una pluriennale esperienza, maturata soprattutto in località di mare  come la Costiera Amalfitana. 
Sabato 13 marzo sarà possibile ascoltare storie di pastori e dei loro greggi nello spazio  Studio Arcabi Associates in via del Ghirlandaio 6 con degustazioni  di formaggi dalla Maremma alla Valmarecchia, a supporto del progetto innovativo di Terrae Altrove che vede la promozione del territorio attraverso le eccellenze dei prodotti alimentari, artigianali e della trasformazione manifatturiera ad alto contenuto qualitativo. Lo stesso giorno, l’azienda Gemignani Tartufi dal 1930 di San Miniato farà degustare una selezione dei suoi prodotti nella location di interior design Arkadia Arredamenti. Da segnalare la presenza di Federico Minghi, il “Vignaiolo Creativo”. Sempre sabato, dalle ore 17,30 alle 19 la famiglia Ricci in visita in Toscana farà degustare il proprio olio Agrumato ed i Pan’ di Olio, nel Giardino delle Esperidi di Riccardo Barthel in via de Serragli. Non poteva mancare uno sfizioso e piacevole aperitivo nel più antico teatro di Firenze, il Teatro Niccolini recentemente restaurato. Protagonisti della serata i salumi di cinta senese Renieri, insieme ai vini e altri prodotti del territorio. La serata sarà arricchita da letture e performance artistiche. Infine, per degustare un buon caffè, tostato e servito fresco, scelto personalmente dal direttore Francesco Sanapo in collaborazione con Daniele Palladini, tappa obbligata è il nuovissimo ristorante “Ditta Artigianale” micro torrefazione e coffee bar, ma anche ristorante, nella storica via dello Sprone in Oltrarno, una delle vie della “rive gauche” fiorentina dove si può vivere ancora l’atmosfera delle vecchie botteghe artigiane. Per tutti gli altri eventi in programma al FuoriDiTaste (oltre 150 in giro per la città) è possibile consultare il relativo programma on-line. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pitti-taste-leopolda-food-eccellenza
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.