A- A+
Green
E-commerce sostenibile: la metà delle aziende fa solo greenwashing

Greenwashing sta letteralmente per “ecologismo di facciata” o “ambientalismo di facciata”. È una strategia, usata da aziende o istituzioni politiche, per costruire un’immagine ingannevole sotto il profilo dell’impatto ambientale. Lo scopo è semplice: distogliere l’attenzione sull’impatto potenzialmente negativo dei propri prodotti o attività sull’ambiente.

E-commerce: lo studio dell'Unione Europea

Nel suo ultimo rapporto annuale sullo stato dell’e-commerce e la tutela dei consumatori, l’Unione Europa pone l’accento su questa pratica, troppo spesso sottovaluta o non considerata. Ne emerge infatti che molto spesso le (auto) dichiarazioni ambientale delle aziende, che vendono prodotti online, risultano “esagerate, false o ingannevoli”. 

Il greenwashing ha trovato sempre più spazio in questo particolare anno, segnato sia dalla pandemia che dal boom degli acquisti online. A livello globale–stima l’Onu–l’aumento è stato di 10 punti percentuali. Mentre in Italia–riporta Rinnovabili.it–solo il primo lockdown, secondo le rivelazioni Ipsos, ha generato un aumento del 31% degli acquisti online. 

E-commerce : nel 42% dei casi è greenwashing

I risultati dello screening UE– secondo quanto riporta Rinnovabili.it­– mostrano che nel 42% dei casi, le credenziali green esibite su internet dalle aziende non sono corroborate da alcuna prova o dato. E non emergono nemmeno dopo un esame più approfondito. In più della metà dei casi­– si legge– le aziende non forniscono informazioni sufficienti per verificarne l’autenticità. 

Invece per il 37% delle volte si usano parole vaghe come: “consapevole”, “ecologico”, “sostenibile”. Questi termini– secondo l’Ue– mirano a trasmettere ai consumatori l’impressione non comprovata che un prodotto non abbia un impatto negativo sull’ambiente. E in quasi 6 casi su 10– si legge– l’azienda non dà prove facilmente accessibili a sostegno delle sue affermazioni.

Tale analisi rientra in un ambizioso progetto europeo, che ha lo scopo di sostenere i consumatori verso acquisti più sostenibili e consapevoli. Per la seconda metà del 2021– riporta Rinnovabili.it– Bruxelles prevede di adottare una direttiva dedicata a sostenere la transizione ecologica nell’ambito dei consumi, iniziativa che tocca temi anche molto distanti dal greenwashing come, ad esempio, l’obsolescenza programmata e il diritto alla riparazione.

Commenti
    Tags:
    e commerce sostenibilità greenwashing aziendee commerce sostenibilità greenwashign aziende dichiarazioni false
    Loading...
    in evidenza
    Patrik Schick, gol da antologia La sensuale Krystina festeggia

    Euro2020 show

    Patrik Schick, gol da antologia
    La sensuale Krystina festeggia

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

    Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.