A- A+
Green
Economia circolare, rifiuti elettrici: l'italia non raggiunge l'obiettivo Ue

Economia circolare, i dati e gli obiettivi europei da raggiungere

La raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti ogni giorno in Italia cresce sempre di più, ma non raggiunge ancora gli obiettivi europei. Secondo i dati del preconsuntivo del Centro di Coordinamento Raee, la raccolta complessiva nel 2020 di rifiuti elettrici ha toccato le 365mila tonnellate, con un incremento del 6,4% rispetto all'anno precedente. Ma–riporta il Sole 24 ore–l'obiettivo Ue che ha fissato nel 2019 la raccolta a 11 chili pro capite, è ancora ben lontano. L'anno scorso si è arrivati in Italia a raccogliere 6,06 chili pro capite di Raee, con un trend stabile rispetto agli anni passati. 

Economia circolare, la quasi totalità dei paesi Ue non raggiunge il target 

Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento Raee–riporta il Sole 24 Ore– "Per raggiungere quei target le quantità dovrebbero quasi raddoppiare. La quasi totalità dei paesi europei non raggiunge il target e questo dato non deve essere visto dall’Italia come una giustificazione alle proprie difficoltà”.

Se guardiamo i dati più vicino, secondo quanto riporta il Sole 24 ore, ci accorgiamo che durante i mesi della pandemia i volumi raccolti sono calati del 40%, ma da maggio in poi i conferimenti sono aumentati. In termini di volumi il raggruppamento più importante è quello del bianco, dei grandi elettrodomestici con 125,6mila tonnellate. A seguire– fa sapere il Sole 24 Ore– frigoriferi, condizionatori e congelatori con 97mila tonnellate, computer, telefoni, pannelli fotovoltaici e apparecchi di illuminazione con 73mila tonnellate, i tv e i monitor arrivano a 62,3mila tonnellate per finire con le lampadine e sorgenti luminose che sfiorano le 2mila tonnellate. 

Economia circolare, l'utilizzo dei "canali illegali" 

Per quanto riguarda la distribuzione sul territorio– rivela il Sole 24 Ore– il Nord si conferma la macroarea più virtuosa con quasi 7 chili di Raee avviati al recupero, segue il Cento a 6,2 chili mentre il Sud si ferma a 4,7 chili. Nei centri di raccolta comunali avviene la quasi totalità dei conferimenti, l ‘82% mentre i canali della distribuzione gestiscono la parte rimanente. 

Ma ciò che fa "più male" per il sistema di raccolta dei Raee e per l'ambiente è l'utilizzo di canali illegali. Secondo Longoni "sono ancora troppe le apparecchiature che seguono scorciatoie ambientalmente scorrette e che vengono “gestite” in maniera illegale, come sono ancora troppe le amministrazioni locali che non hanno centri per la raccolta e i distributori che non gestiscono correttamente i vecchi apparecchi che arrivano dai consumatori”. 

Per contrastare questa pratica il Centro di coordinamento Raee intende dare vita a un’operazione in grado di coinvolgere una pluralità di attori della distribuzione, come punti vendita specializzati, negozi specialisti e supermercat. “L’obiettivo– spiega Longoni– è aiutarli a essere conformi alla legge favorendo al tempo stesso la costituzione di nuovi luoghi di raggruppamento, i siti destinati alla raccolta dei Raee”. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    economia circolare rifiuti elettrici italia europaeconomia circolare rifiuti elettrici europa italia numeri
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Il meteo del weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

    Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.