A- A+
Green

Boom delle nuove professioni verdi e della tutela del "made in Italy": dal vino alle biotecnologie, passando per il cibo sano e la gestione delle foreste: sono tante le offerte per un settore - quello green - che non conosce flessioni. Proprio per cogliere le occasioni offerte da questo mondo del lavoro in crescita e' necessario avere un "curriculum green" attraverso un percorso formativo ad hoc. E in tal senso si muove l'Universita' della Tuscia con i suoi corsi di laurea.

E si evidenzia subito un alto tasso di occupazione: un laureato su 2 trova infatti lavoro entro l'anno del conseguimento della laurea. Per dare risposte concrete a questa domanda di nuove professioni, il Dipartimento per l'Innovazione nei sistemi biologici, agroalimentari e forestali (Dibaf) dell'Universita' del Viterbese offre tre corsi di laurea triennali in Biotecnologie, in Tecnologie alimentari ed enologiche e in Scienze forestali e ambientali, e due corsi biennali di laurea magistrale in Sicurezza e Qualita' agro-alimentare e in Scienze forestali e ambientali.

Si tratta di lauree che, a quattro anni dalla loro istituzione, stanno gia' evidenziando successo nella ricerca di un lavoro, visto che appunto un laureato su 2 trova un impiego nel giro di un anno dal diploma di laurea, grazie allo stretto legame tra percorsi didattici del Dibaf e il mondo delle imprese, degli enti pubblici territoriali, delle strutture di ricerca e del mondo delle professioni e a una preparazione tecnica e professionale altamente qualificata. Questa qualita' della didattica ha avuto anche un riconoscimento 'ufficiale', visto che nel rapporto Anvur sulla qualita' della ricerca delle universita' italiane, quella della Tuscia - sottolinea Giuseppe Scarascia Mugnozza, direttore del Dibaf - si piazza al primo posto in Italia tra le universita' di medie dimensioni proprio per il settore agro-alimentare e forestale, con il contributo decisivo del Dibaf, che infatti risulta primo per la qualita' dell'attivita' scientifica svolta dai propri docenti e ricercatori, tra tutti i sette dipartimenti dell'ateneo. Anche a livello nazionale il Dibaf ottiene "una valutazione lusinghiera risultando quarto su oltre settanta dipartimenti di agraria e biotecnologie di tutte le universita' italiane, comprese quelle di maggiori dimensioni e di tradizione molto piu' antica dell'ateneo viterbese", aggiunge Scarascia Mugnozza.

I dati confermano questo trend positivo per le nuove professioni: nel solo settore agroalimentare e forestale nel primo trimestre del 2013 c'e' stato un aumento di occupazione del 9% per gli under 35; nel settore enologico l'occupazione, pur in un momento di crisi, e' salita del 2,6% e sei nuovi esperti di vino su dieci vengono occupati a soli tre mesi dalla laurea; l'industria alimentare, il secondo settore produttivo del Paese, investe in sicurezza dei cibi 2 miliardi l'anno e impiega 60.000 addetti con numeri in aumento; sono 175 le che imprese operano nel settore del farmaco biotech con circa 6.800 occupati nel settore ricerca e sviluppo. Anche a livello nazionale il Dibaf ottiene "una valutazione lusinghiera risultando quarto su oltre settanta dipartimenti di agraria e biotecnologie di tutte le universita' italiane, comprese quelle di maggiori dimensioni e di tradizione molto piu' antica dell'ateneo viterbese", aggiunge Scarascia Mugnozza. I dati confermano questo trend positivo per le nuove professioni: nel solo settore agroalimentare e forestale nel primo trimestre del 2013 c'e' stato un aumento di occupazione del 9% per gli under 35; nel settore enologico l'occupazione, pur in un momento di crisi, e' salita del 2,6% e sei nuovi esperti di vino su dieci vengono occupati a soli tre mesi dalla laurea; l'industria alimentare, il secondo settore produttivo del Paese, investe in sicurezza dei cibi 2 miliardi l'anno e impiega 60.000 addetti con numeri in aumento; sono 175 le che imprese operano nel settore del farmaco biotech con circa 6.800 occupati nel settore ricerca e sviluppo.

Tags:
lavoroassunzioniuniversità tusciaprofessioni green
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.