A- A+
Green
Titoli di Stato: arriva il primo Btp green, avrà scadenza nel 2045

Il ministero dell'Economia e delle Finanze ha affidato a Bnp Paribas, Credit Agricole, Intesa Sanpaolo, J.P. Morgan e NatWest Markets il mandato per il collocamento sindacato del primo Btp Green, il nuovo titolo di Stato dedicato al finanziamento delle spese sostenute dallo Stato a positivo impatto ambientale così come previsto dalla legge di bilancio per il 2020. Il nuovo Btp Green, che avrà scadenza 30 aprile 2045, riferisce una nota, viene inoltre emesso nell'ambito del "Quadro di riferimento per l'emissione dei titoli di Stato Green" pubblicato lo scorso 25 febbraio 2021 e contribuirà quindi agli obiettivi ambientali e alla più ampia strategia di sostenibilità dell'Italia secondo le modalità illustrate nello stesso documento. La transazione, conclude il comunicato sarà effettuata nel prossimo futuro, in relazione alle condizioni di mercato.

Commenti
    Tags:
    titoli di stato btptitolistatobtpgreen
    in evidenza
    "Donzelli-Cospito un paradosso. Parliamo dei dialoghi tra deputati e mafiosi"

    Annalisa Chirico su Affaritaliani.it

    "Donzelli-Cospito un paradosso. Parliamo dei dialoghi tra deputati e mafiosi"

    
    in vetrina
    Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

    Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


    motori
    BMW Italia inaugura il 2023 che sarà ricco di iniziative e anniversari

    BMW Italia inaugura il 2023 che sarà ricco di iniziative e anniversari

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.