A- A+
Home

Insieme a un complice ha rapinato le poste a volto scoperto. Aveva approfittato di un'uscita premio dal carcere per mettere a segno il colpo.

 

Le forze dell'ordine non riuscivano a identificare il ladro perché cercavano corrispondenze col suo volto nel posto sbagliato: fuori dalla prigione. In realtà l'uomo era stato tutto il tempo sotto al naso delle autorità essendo in galera da 10 anni a scontare proprio il reato di rapina. É forse per questo che il malvivente non si è preoccupato di coprirsi il volto, come invece ha fatto il suo complice, per mettere a segno il colpo nell'ufficio postale di via di Torrevecchia. Contro ogni aspettativa, il primo a essere riconosciuto e fermato dagli agenti è stato il partner, stanato il giorno successivo alla rapina all'interno della sua abitazione. In casa dell'uomo sono stati trovati i vestiti che aveva indossato durante il colpo tra cui una riconoscibilissima felpa stampata con la scritta: “Se avanzo seguitemi se indietreggio uccidetemi”. Rinvenuta nella sua abitazione anche la pistola a salve utilizzata durante la rapina, fedele replica di un revolver.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carcererapinaposteufficio postalerapinatorerebibbiagaleottoprigione
in evidenza
Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

La Divina vuota il sacco

Gravidanza e bacio a Rosolino
Fede Pellegrini, la verità

i più visti
in vetrina
E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.