A- A+
Home
INFERNO
LO SPETTACOLO INFERNO

Mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio, in occasione del Premio Internazionale “Il Teatro Nudo” di Teresa Pomodoro-XIV edizione, sul palco dello Spazio Teatro No'hma andrà in scena INFERNO, con la compagnia KAZAN OFFICE.

Nel monologo di Infernol’ordinaria epopea dell’uomo contemporaneo si sovrappone alla discesa negli inferi del poeta della Commedia. L’inquietante rilettura di Kazan Office mette in contatto i versi del capolavoro dantesco con i codici espressivi del teatro Noh, entrambi filtrati dal linguaggio degli Youtubers, tra riprese con il cellulare e visori VR. Per il protagonista, everymandei nostri giorni, l’incessante routine quotidiana si staglia su un futuro di incertezza, di vacuità di orizzonti; la prospettiva certa è solo una: per sopravvivere all’inferno della modernità, bisogna lavorare, ogni giorno di più e mantenersi costantemente competitivi. Al movimento di discesa nel terribile scenario dell’oltretomba si contrappone il movimento ascensionale di due performer di nouveau cirque, sospesi nell’aria come a purificare la scena.

«Ci sono diversi miti e leggende in Giappone, e i versi dell’Infernodi Dante sono stati di forte ispirazione per noi artisti nipponici» - spiega Kazan Tachimoto, attore protagonista del monologo. «Lo spettacolo risponde alla sfida di dare una lettura altra e totalmente “giapponese” dell’Inferno». La rilettura di capolavori occidentali attraverso i codici culturali di appartenenza è, nell’esperienza del Premio Internazionale, una pratica artistica che viene spesso sperimentata dalle compagnie asiatiche. In particolare, solo nella scorsa edizione, un’altra compagnia dal Giappone aveva portato in scena un comico e irriverente Macbethin chiave Noh; gli artisti malesi di KL Shakespeare Players avevano invece concepito un originale intreccio tra le vicende di Re Leare l’inquietante magnetismo della danza Butoh.

Quello di mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio è il quarto della lunga serie di eventi che, tappa dopo tappa, stanno tracciando un nuovo itinerario attraverso realtà artistiche provenienti da tutto il mondo, all’interno di una rassegna che è diventata con il tempo la più prestigiosa fra quelle organizzate dal Teatro No’hma. Nel corso delle sue tredici edizioni, il Premio Internazionale è progressivamente cresciuto in termini di risonanza, raggiungendo numeri sempre più considerevoli: dal 2009 ad oggi si contano 52 Paesi partecipanti e 134 spettacoli per un totale di 71.000 spettatori, che grazie allo streaming e all’Onlife sono sparsi in tutto il mondo. Un palco grande quanto il mondo, per una platea che non conosce confini.

L’ingresso sarà come sempre gratuito e lo spettacolo sarà trasmesso in diretta streaming.

La prenotazione è obbligatoria ed effettuabile tramite il sito Eventbrite, oppure mandando una mail a nohma@nohma.ito chiamando il numero 02/45.48.50.85.

INFERNO

basato sulla Commediadi Dante Alighieri

traduzione di Yukehiro Hirakawa

regia Nobusuke Kashima

con Kazan Tachimoto

musica Kota Nakazato

compagnia Kazan Office

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
culturagiapponeinfernokazanofficeliviapomodoronormaspazioteatronohmateatro


in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.