A- A+
Lavoro
Cosa si sarebbe potuto fare anche senza il Jobs Act
logo fondazione studi
 

Chi si ricorda della contrattazione di prossimità? Verrebbe da dire che sono pochi coloro che hanno bene a mente questo strumento e le sue potenzialità, e tra questi parrebbe non esservi neppure il Legislatore stesso.

La disciplina di riferimento è l’art. 8 del D.L. 138/2011 che stabilisce che gli accordi di prossimità, se rispettano i requisiti previsti dalla legge, sono validi erga omnes e possono derogare alla legge e ai CCNL anche in senso peggiorativo.

La contrattazione di prossimità può incidere sulla regolamentazione di: impianti audiovisivi e introduzione di nuove tecnologie; mansioni del lavoratore, classificazione e inquadramento del personale; contratti a termine, contratti a orario ridotto, modulato o flessibile, regime della solidarietà negli appalti e casi di ricorso alla somministrazione di lavoro; disciplina dell'orario di lavoro; modalità di assunzione e disciplina del rapporto di lavoro, trasformazione e conversione dei contratti di lavoro.

Nonostante le grandissime potenzialità dell’istituto la sua diffusione, in realtà, è stata assai scarsa.

Ciò che è da notare è che il Jobs Act è intervenuto garantendo al datore di lavoro ambiti di azione che, in realtà, già dal 2011 erano praticabili attraverso la contrattazione di prossimità, quasi a riconoscere l’insuccesso dello strumento rimasto ignoto alle aziende, e riconoscere legislativamente soluzioni che la prossimità cercava da tempo di offrire.

Due brevi spunti sulla contrattazione di prossimità e il Jobs Act.

Nella materia degli impianti audiovisivi e introduzione di nuove tecnologie già con la prossimità sarebbe stato possibile, in deroga allo Statuto dei Lavoratori,  regolare l’utilizzo di nuovi sistemi di controllo quali i GPS, i computer, i badge per le presenze. Il D.lgs. 151/2015, con l’art. 23, ha provveduto a modificare l’art. 4 dello Statuto per consentire al datore di lavoro di fare quello che già era possibile attraverso la prossimità.

Anche in tema di mansioni del lavoratore, classificazione e inquadramento del personale è avvenuto qualcosa di molto simile a quanto visto sopra. Infatti, la contrattazione di prossimità (prima della modifica all’art. 2103 c.c. disposta dall’art. 3 D.lgs. 81/2015) già permetteva, ad esempio, di estendere il periodo di adibizione a mansioni superiori, evitando l’acquisizione definitiva delle stesse, di prevedere la temporanea adibizione a mansioni inferiori al fine di soddisfare specifiche esigenze aziendali o ancora di escludere la promozione automatica o, per l’ipotesi inversa di demansionamento, fissare una penale sostitutiva del risarcimento.

Anche se il Legislatore è intervenuto come sopra, non bisogna dimenticarsi che molti altri ancora sono gli ambiti di azione della contrattazione di prossimità e che, forse, è il momento di cominciare a sfruttarli.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”


casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.