A- A+
Lavoro
DIS COLL finanziata anche per il 2016
logo fondazione studi
 

Garantita la DIS-COLL, l'indennità di disoccupazione per i collaboratori inizialmente prevista per il solo 2015, anche a chi perderà il proprio rapporto di collaborazione nel 2016.

Con un emendamento alla Legge di Stabilità 2016, il governo stanzia 78 milioni di euro (54 milioni per l'anno 2016 e 24 milioni per l'anno 2017) al fine di finanziare l'indennità per gli eventi dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016. Per "eventi" si intendono quelli di “cessazione dal lavoro che ha comportato lo stato disoccupazione” (circolare Inps. n. 83/2015).

L’emendamento stabilisce, infine, che l'Inps dovrà accettare le domande entro i limiti delle risorse disponibili, in base all’ordine cronologico di presentazione e ai fondi disponibili. Per tutte le informazioni inerenti i requisiti e le nuove modalità di erogazione, rimandiamo all’articolo di Italia Oggi del 15 dicembre 2015.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.