A- A+
Lavoro
Il nuovo articolo 18 riguarda anche gli statali
logo fondazione studi
 

Le riforme del nuovo articolo 18 Legge 300/1970 si applicano anche al pubblico impiego “contrattualizzato”, ovvero a tutti i dipendenti statali e locali tranne professori, magistrati e militari, in quanto il parallelismo con il lavoro privato è previsto in modo esplicito dal Testo Unico del pubblico impiego. A sancirlo è la Corte di Cassazione, sezione lavoro, con sentenza n. 24157 depositata il 26 novembre 2015, occupandosi del licenziamento disciplinare di un dirigente di un consorzio pubblico siciliano avvenuto nel 2012.

Il consorzio aveva chiesto ai giudici di pronunciarsi sull'applicazione del nuovo articolo 18 agli statali e, in caso di risposta negativa, di interessare la Corte costituzionale sulla disparità di trattamento fra lavoro pubblico e privato. La Cassazione si è, quindi, pronunciata ritenendo che lo Statuto dei lavoratori, con le sue successive modificazioni e integrazioni, si applichi non solo al comparto privato, ma anche ai lavoratori assunti presso le pubbliche amministrazioni a prescindere dal numero dei dipendenti. L'estensione al pubblico impiego sarebbe dunque automatica e si porterebbe con sé anche il meccanismo del contratto a tutele crescenti. Infatti, il decreto attuativo del Jobs Act ha modificato l’articolo 18, prevedendo le tutele crescenti per operai, impiegati o quadri assunti a tempo indeterminato dopo la sua entrata in vigore, anche in caso di conversione di contratto a termine.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.