A- A+
Lavoro
Inps: oltre 2 milioni di assunzioni nel 2015
logo fondazione studi
 

Oltre 2,4 milioni le assunzioni stabili registrate durante il 2015. Gli sgravi contributivi per le aziende, introdotti a inizio 2015, e le misure del Jobs Act sono le motivazioni che hanno portato a questo dato. A confermarlo è l'Osservatorio sul precariato, sui dati di riferimento di gennaio-dicembre 2015, pubblicato il 16 febbraio sul sito dell'Inps.

Il dato comprende anche le trasformazioni di rapporti a termine e apprendisti in contratti a tempo indeterminato. I numeri dell'Istituto permettono un raffronto con l'anno 2014: allora, il saldo dei posti stabili era stato negativo per 52.137 unità. Il confronto tra i due anni, dunque, è di oltre 800mila nuovi posti stabili in più nel 2015, rispetto ai dodici mesi precedenti.

Se si guarda al solo dicembre 2015, si è registrato un vero e proprio boom per le assunzioni a tempo indeterminato: 272.512. L'andamento positivo si spiega con il fatto che dall'inizio del 2016 gli sgravi contributivi per le nuove assunzioni sono stati dimezzati, come disposto dalla Legge di Stabilità 2016.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.