A- A+
Lavoro
Misure di salvaguardia incoerenti negli ultimi 4 anni
logo fondazione studi
 

Le misure di salvaguardia utilizzate dal 2012 ad oggi hanno perso coerenza rispetto agli interventi iniziali e hanno interessato una platea sempre più vasta e non così danneggiata dalla riforma pensionistica del 2011. Le stime giungono dall'Ufficio parlamentare di bilancio che ha fatto notare come il peso dei salvaguardati sul flusso dei nuovi pensionati di vecchiaia e anzianità abbia raggiunto l'11% nel 2014 e l'8,3% nel 2015, come già rilevato dal rapporto di monitoraggio Inps del 2 gennaio scorso. Le sette salvaguardie, alla luce della riprogrammazione di spesa 2013-2023 introdotta con la Legge di Stabilità 2016, determineranno maggiori oneri per 11,4 miliardi, pari al 13% dei risparmi previsti dalla riforma Fornero per il decennio 2012-2021 (88 miliardi).

Secondo i calcoli dell'Ufficio di bilancio il pubblico dei contributori volontari, ovvero chi aveva optato per cambiamenti lavorativi prima della riforma, è passato da 10.250 salvaguardie nel 2011 a 56.140 dopo la settima. Il dubbio è, quindi, che sia stato commesso un errore di policy nel definire le categorie da salvaguardare.

Tags:
museiesercizi pubblici





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.