A- A+
Lavoro
Nessun lavoro festivo senza consenso
logo fondazione studi
 

Con la sentenza n. 16592 del 7 agosto 2015 la Corte di Cassazione ha ribadito il divieto di lavorare nei giorni festivi senza consenso. Il datore di lavoro non può, quindi, pretendere che il lavoratore presti attività nei giorni di festività religiose o civili senza che quest'ultimo sia consenziente.

La sentenza giunge dopo le pronunce del Tribunale di Vercelli e della Corte di Appello di Torino su un caso di contenzioso, risalente al 2004, tra un'azienda e una sua dipendente, obbligata a lavorare durante le festività natalizie.

La lavoratrice, infatti, aveva ricevuto una sanzione disciplinare per non essersi presentata al lavoro in quella occasione. Sanzione considerata illegittima dalla Corte Suprema, che ha ribadito la sussistenza di un accordo tra datore e lavoratore per le prestazioni lavorative da effettuare nei giorni festivi.

Tags:
rendimentolicenziamento
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.