A- A+
Lavoro
Sanzioni per lavoro da rimborsare
logo fondazione studi
 

Saranno rimborsate le sanzioni per lavoro nero che non rispondono ai requisiti dettati dalla Corte Costituzionale con la sentenza n.254/14. L'INPS interviene con il messaggio n. 7280/15 per definire i termini dei rimborsi per i datori che hanno già pagato.

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 36 bis della Legge n. 248/06 (conv. dl n.223/06) , nella parte in cui stabilisce che l’importo delle sanzioni civili connesse all’omesso versamento dei contributi e premi riferiti a ciascun lavoratore non può essere inferiore a 3.000 euro, indipendentemente dalla durata dell’attività lavorativa accertata. La Corte rileva che le sanzioni civili così determinate, prescindendo dalla durata del periodo in cui il rapporto di lavoro si è protratto, possono risultare del tutto sproporzionate rispetto alla gravità dell’inadempimento e che, pertanto, la norma che le ha previste contrasta con l’art. 3 della Carta Costituzionale.

L'INPS interviene (dopo oltre un anno) affermando che hanno diritto al rimborso i datori di lavoro che hanno versato sanzioni calcolate secondo l’art. 36 bis, per la differenza tra il versato e il dovuto con i nuovi parametri fissati dalla Corte. 

Per effetto della sentenza, anche per i periodi tra il 12 agosto 2006 ed il 23 novembre 2010, non può essere applicato l’art. 36 bis (sanzioni civili non inferiori ad euro 3.000 per ogni lavoratore). Dovrà, invece, essere applicata la norma previgente che prevedeva il pagamento di sanzioni civili pari al 30% annuo e comunque non superiori al 60% dell’importo dei contributi o premi non corrisposti entro la scadenza di legge.

I datori interessati dovranno trasmettere un’istanza di rimborso (precisando gli importi indebitamente versati) attraverso il cassetto previdenziale, utilizzando la sezione "Rimborsi/compensazioni", presente in "Versamenti F24".

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.