A- A+
Lavoro
Sulla clausola sociale prevale l’efficienza del nuovo appaltatore
logo fondazione studi
 

Allunga il passo il disegno di legge che recepisce la normativa comunitaria in materia di appalti (disegno di legge n. 1678-B, Deleghe al Governo per l’attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture). La scorsa settimana il provvedimento è stato esaminato dalle commissioni competenti del Senato e già nei prossimi giorni dovrebbe approdare in Aula. Significativo è stato il passaggio presso la Commissione Lavoro di Palazzo Madama per quanto di sua competenza. In particolare, il ddl prevede l'introduzione di “clausole sociali volte a promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato”. Il senatore Pietro Ichino, in qualità di relatore ha sollevato qualche perplessità circa l'inserimento in legge della cosiddetta "clausola sociale" con riferimento agli appalti pubblici di servizi e ai call center. Su questo punto il presidente della commissione Maurizio Sacconi ha chiesto il parere di Anac (Anticorruzione) e Antitrust. Anac ha risposto e sostanzialmente ha dato ragione ai richiedenti affermando che il riassorbimento dei lavoratori deve essere compatibile con l' efficienza aziendale. 

La Commissione lavoro del Senato, recependo il parere espresso dall'Autorità Nazionale Anticorruzione, ha invitato Parlamento, Governo e parti sociali a tener conto dei limiti nei quali la così detta clausola sociale è praticabile negli appalti di servizi. Secondo l'autorità e la Commissione "il riassorbimento dei lavoratori deve essere armonizzabile con l'organizzazione dell'impresa subentrante e con le esigenze tecnico-organizzative e di manodopera previste nel nuovo contratto." Essa "non può alterare o forzare la valutazione dell'aggiudicatario in ordine al dimensionamento dell'impresa". Prevale, insomma, la esigenza di garantire ai servizi in appalto una sempre maggiore efficienza che, nel caso dell'appaltante pubblico, significa un determinante contributo alla spending review.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

Lo scherzo e l'imprevisto

Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.