A- A+
Lavoro
Voucher per l'internazionalizzazione a grande richiesta
logo fondazione studi
 

E' partita la seconda fase dell'operazione voucher per l'internazionalizzazione. Dal 22 settembre 2015, le piccole e medie imprese, così come le reti d'impresa, che vogliono accedere o consolidarsi sui mercati internazionali, possono fare domanda per il voucher online dopo essersi registrate sulla piattaforma informatica "Voucher internazionalizzazione PMI" presente sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

C'è tempo fino alle ore 10 del 2 ottobre 2015 per fare richiesta per il contributo a fondo perduto, che copre i servizi erogati per almeno 6 mesi a tutte quelle Pmi che intendono guardare ai mercati oltreconfine attraverso una figura specializzata, il Temporary Export Manager o TEM, capace di studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri.


Il voucher verrà assegnato a seconda dell'ordine cronologico di arrivo delle domande, nel rispetto dei requisiti richiesti e fino ad esaurimento del budget assegnato.


Sul sito del Ministero si legge come a poche ore dal click-day, siano già giunte 3.690 domande con oltre 5.800 registrazioni alla piattaforma online. 


“A fronte di questo successo – ha dichiarato il Vice Ministro Carlo Calenda – abbiamo deciso di aumentare immediatamente la dotazione finanziaria da 10 a 15 milioni di euro, consentendo così a 1500 aziende (500 in più del previsto) di accedere al nuovo strumento per l’internazionalizzazione. Il programma – ha concluso il Vice Ministro - verrà ulteriormente potenziato nel 2016 con risorse aggiuntive”.

 

 

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.