A- A+
Lavoro
Ugl, Capone: "Estendere il blocco licenziamenti e gli ammortizzatori sociali"

Ugl, Capone: "Estendere il blocco licenziamenti e gli ammortizzatori sociali per il 2020"

Mentre il Governo è impegnato a far quadrare annunci e promesse con fatti concreti, l’economia reale e il sistema produttivo italiano lanciano un “sos” che, a cinque mesi dall’inizio dell’emergenza sanitaria, resta ancora in gran parte inascoltato. In Commissione Bilancio della Camera il decreto Rilancio va avanti con evidenti e alterne difficoltà, il Dl Semplificazioni, ugualmente, non sembra avere sorte migliore e dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri in settimana. Nel frattempo, sul fronte caldo dell’occupazione le incognite restano tante e sugli ammortizzatori sociali rimane una diffusa incertezza.

“Gli annunci del ministro Gualtieri nei salotti televisivi sono privi di riscontri – afferma il Segretario generale dell’UGL, Paolo Capone – e purtroppo stridono con la dura realtà che tutti possiamo vedere. I provvedimenti adottati dal Governo per rilanciare l’occupazione sono insufficienti: attualmente milioni di lavoratori chiedono risposte certe e non vaghe promesse. In tal senso, bisogna prolungare il blocco dei licenziamenti ed estendere gli ammortizzatori sociali, tra cui la cassa integrazione, per tutto il 2020. E bisogna farlo con la massima urgenza”. Secondo il sindacalista “è finito il tempo delle chiacchiere, i cittadini sono stanchi, gli imprenditori non riescono a garantire i posti di lavoro e ciò nonostante i tanti sacrifici personali fatti per limitare i danni".

"È necessario erogare liquidità alle imprese – sottolinea ancora Capone – per assicurare continuità alla produzione e consentire il pagamento dei salari e il mantenimento dei livelli occupazionali. La crisi in corso non può essere affrontata con misure tampone, ma occorrono provvedimenti seri e politiche attive del lavoro, di medio e lungo periodo, in grado di favorire la ripresa economica e tutelare i lavoratori e le loro famiglie”. Altro fronte caldo, per il leader UGL, è quello fiscale, settore sul quale il Governo appare confuso, arruffone e inconcludente. “E’ prioritario – spiega – intervenire sul potere d’acquisto degli italiani attraverso una poderosa riduzione del cuneo fiscale sul lavoro. Indispensabile, inoltre, erogare finanziamenti a fondo perduto alle imprese per evitare lo smantellamento del tessuto produttivo fatto di piccoli e medi imprenditori, il cui fallimento avrebbe conseguenze potenzialmente devastanti, soprattutto nelle aree del Mezzogiorno particolarmente minacciate dalla criminalità organizzata". "L’Italia – conclude – non può più aspettare”.

Commenti
    Tags:
    lavoropaolo capone uglugl





    in evidenza
    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    MediaTech

    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Con la Nuova MINI Countryman C: tra le colline del Chianti

    Con la Nuova MINI Countryman C: tra le colline del Chianti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.