A- A+
Lavoro
Voucher baby-sitting per imprenditrici e autonome: svolta nel 2016
logo fondazione studi
 

Dal prossimo anno verrà estesa alle madri lavoratrici autonome il beneficio dei servizi di baby sitting per l’infanzia, già fruito dalle lavoratrici dipendenti e parasubordinate. I voucher baby sitting potranno essere richiesti in sostituzione (anche parziale) del congedo parentale.

A stabilirlo è un emendamento alla Legge di Stabilità 2016. Di questo contributo economico possono beneficiare oggi solo le lavoratrici madri dipendenti della pubblica amministrazione o datori di lavoro privati, oppure quelle autonome parasubordinate iscritte alla gestione separata Inps.

Il contributo è pari a 600 euro al mese per un massimo sei mesi (3.600 euro totali). Per le lavoratrici parasubordinate, invece, la durata massima è di tre mesi (quindi in totale 1.800 euro) e sarà così anche per le neo beneficiarie: lavoratrici autonome o imprenditrici. Entro un mese, uno specifico decreto, disciplinerà la fruizione. Il costo dell'operazione per il 2016 sarà di 2 milioni di euro.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.