A- A+
Marketing
L’Italia creativa vale 47 miliardi: dominano tv, arti visive e adv

E molti contiuano a dire che con la cultura non si mangi. La filiera creativa in Italia vale 46,8 miliardi di euro, di cui 40,1 diretti, pari al 2,9% del Pil, e occupa quasi 1 milione di persone. Lo dicono i dati diffusi oggi alla Triennale di Milano da Italia Creativa, il primo studio sull’industria della cultura e della creatività in Italia, realizzato da Ernst & Young con il supporto delle principali associazioni di categoria, guidate da Mibact e Siae.

Nel 2014, spiega lo studio, gli occupati della filiera creativa sono stati 995mila, di cui 850mila diretti, per un valore economico complessivo pari a 46,8 miliardi, pari al 2,9% di cui 40,1 diretti, cioè derivanti da attività legate direttamente alla filiera, quali la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi.

occupati italia creativa
 

Undici sono i settori dell’Italia creativa presi in considerazione dallo studio. Eccoli con i relativi valori economici: al primo posto la televisione con 95.885 occupati e un valore pari a 12,2 miliardi di euro; sul podio anche le arti visive, con 241mila occupati e 11,2 miliardi di euro, e la pubblicità, con 7,4 miliardi di euro e oltre 94mila occupati. Seguono, per valore economico, quotidiani e periodici (5,1 miliardi), le arti performative (4,5), la musica (4,3), i libri (3,1), i videogichi (2,9), l’archietettura (2,6), il cinema (1,7) e la radio (800 milioni).

italia creativa 1 380x243
 

L’Italia creativa, spiega lo studio, vale il 2,9% del Pil, se si considera il valore economico complessivo (il 2,5% se si considera quello diretto); più delle teleconomunicazioni, che hanno un valore diretto pari a 39 miliardi di euro, e poco meno dell’automobile, che vale 49 miliardi, e della chimica, che ne vale 50.

Il 3,8% degli occupati in Italia lavora per il settore della cultura e creatività, se si considerano gli occupati diretti, ma la percentuale sale al 4,5% se si considerano quelli totali.

settori italia creativa
 

Il 41% degli occupati nell’industria della cultura e della creatività in Italia sono giovani fra i 15 e i 39 anni, contro una media del circa 37% in tutti i settori dell’economia del Paese.

L’Italia, prosegue lo studio, è anche il primo paese al mondo per numero di siti che sono patrimonio dell’umanità Unesco, nonchè l’unico con 3 siti nella top ten dei siti archeologici più visitati.

Ma è anche il primo paese per numero di premi Oscar al “miglior film in lingua straniera” e l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo, l’ottava più usata su Facebook, con un bacino potenziale di interessati stimato pari a 250 milioni di persone.

filiera creativa italia francia
 

Infine, conclude lo studio, in Europa la filiera creativa vale tra il 3,1% e il 3,5% del Pil, poco di più di quanto riscontrato in Italia. Ma se riuscissimo ad esprimere per la filiera la stessa quota di Pil che caratterizza la Francia, otterremmo 15 miliardi di euro addizionali.

L’Industria creativa passerebbe così da 40 a 55 miliardi di euro e genererebbe più di 300.000 nuovi posti di lavoro, arrivando a fornire un impiego a oltre 1,2 milioni di persone e sarebbe ancor di più un’occasione per i giovani.

valore economico italia creativa
 

“Italia Creativa dimostra esattamente quanto i diversi settori dell’industria culturale italiana contribuiscano all’economia del Paese in termini di occupazione e fatturato”, ha detto il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, intervenuto al dibattito insieme, tra gli altri partecipanti all’ad di Mondadori, Ernesto Mauri e l’ad di Sky Italia, Andrea Zappia. “E’ nostro dovere adoperarci per favorire al massimo ogni espressione di questo settore, garantendo le corrette condizioni di mercato, contrastando pirateria e contraffazione e riconoscendo il giusto compenso a chi vi opera con il proprio talento”.

occupati per settore italia creativa
 

“L’Italia Creativa è il cuore e il cervello del corpo economico del nostro Paese. Il settore culturale e creativo, ha detto il presidente SIAE Filippo Sugar ricordando l’alta presenza di start up ne settore: “ogni autore, ogni artista che inizia a pensare di dedicare la sua vita alla creatività o comunque a realizzare opere nuove è, di fatto, una start up. Quindi da sempre questa è un’industria fortemente legata all’innovazione, e l’innovazione è fonte di rottura, di pensieri nuovi, di libertà”.

Tags:
artecultura
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.